Tumore al seno, la prevenzione inizia a tavola: dieta pescetariana, pochi zuccheri e attenzione a pasta e pane

Ecco preziose raccomandazioni per prevenire il tumore al seno: dalla Dieta della Longevità Pescetariana al programma che mima il digiuno, tante info e consigli utili

MeteoWeb

Il tumore al seno è la neoplasia più frequente in assoluto nella popolazione femminile e colpisce una donna ogni 8. Nel 2018 il cancro alla mammella ha coinvolto nel nostro Paese 52.800 donne [1], con un’incidenza del 29% fra le neoplasie femminili. Sono dati allarmanti, sui quali è necessario richiamare l’attenzione, anche e soprattutto in occasione della Festa della Mamma, una giornata speciale, che celebra le donne impegnate ogni giorno in famiglia e nel lavoro. E proprio per proteggere la salute di tutte le mamme, Fondazione Valter Longo Onlus, la prima in Italia dedicata a garantire a tutti, in particolare alle persone svantaggiate e in condizioni di povertà, una vita lunga e sana, lancia una forte Call to Action per la prevenzione del cancro alla mammella attraverso la corretta alimentazione e uno stile di vita salutare.

19 Maggio: colloqui nutrizionali gratuiti per le Mamme

In occasione della Festa della Mamma, che verrà celebrata domenica 9 maggio, Fondazione Valter Longo Onlus sostiene la prevenzione del cancro al seno offrendo, in data 19 maggio dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00, colloqui nutrizionali gratuiti in tutta sicurezza, via Skype, WhatsApp o telefonici. Per prenotare occorre chiamare o mandare un messaggio WhatsApp al numero 366 874 9950 oppure scrivere una mail a: nutrizionisti@fondazionevalterlongo.org a partire da mercoledì 12 maggio.

Digiuno programmato e Dieta della Longevità: Jolly terapeutici contro il cancro al seno

Nata nel 2017 dalla volontà di Valter Longo, filantropo e biogerontologo di fama internazionale, Fondazione Valter Longo realizza percorsi di Assistenza Nutrizionale basati sulla Dieta della Longevità, un potente strumento per prevenire e rallentare l’insorgenza di importanti patologie correlate all’avanzare dell’età o non trasmissibili – tra le quali diabete, obesità, malattie cardiovascolari e autoimmuni ed in particolare dei tumori e del cancro alla mammella. E proprio il 2020 è stato particolarmente cruciale per il team del Professor Longo per svelare gli effetti e il meccanismo del digiuno sul cancro, dimostrando ancora una volta la potenza del digiuno controllato sulle patologie.

La prevenzione inizia a tavola: dieta pescetariana, pochi zuccheri. Attenzione a pasta e pane

Romina Inès Cervigni
Romina Inès Cervigni, biologa nutrizionista, Responsabile Scientifico della Fondazione Valter Longo Onlus

“Una corretta strategia alimentare ha il potenziale di ridurre i fattori di rischio e anche le recidive del cancro”, ha spiegato Romina Cervigni, Responsabile Scientifico della Fondazione Valter Longo Onlus. “Inoltre, l’alternanza fra Dieta della Longevità e digiuno programmato attenua sensibilmente gli effetti collaterali della chemioterapia, come nausea e stanchezza cronica, facendo della dieta un’arma decisiva non solo per prevenire, ma anche per sconfiggere il cancro al seno”.  Ed ecco a seguire alcune preziose raccomandazioni per prevenire il tumore del seno, anche a tavola:

  • Dieta della Longevità pescetariana e 100% vegetale:

ridurre l’assunzione di proteine ad una frequenza di 1 o 2 volte alla settimana, in un quantitativo di 0,7 grammi per chilo di peso corporeo, privilegiando il pesce, meglio se pesce azzurro di piccole dimensioni, acciughe, sgombri, per evitare il rischio che possano essere presenti elevate percentuali di mercurio.  Assumere tutti gli altri nutrienti da fonti vegetali, evitando formaggio, carne, latte e pollo.

  • Via gli zuccheri, ridurre al minimo pasta e pane:

ridurre gli zuccheri e assumere alimenti ricchi di amido come pasta e pane solo occasionalmente e in basse quantità è fondamentale per mantenere sempre sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue.

  • Dieta ipocalorica vegetale ogni tre mesi:

gli studi condotti dal Professor Valter Longo – Direttore del Programma di Oncologia e longevità dell’IFOM (Istituto Firc di Oncologia Molecolare) di Milano e Direttore del Longevity Institute dell’USC (University of Southern California) Davis School of Gerontology di Los Angeles – hanno testato l’efficacia del Programma che Mima il Digiuno, ovvero di una dieta ipocalorica 100% vegetale, dimostrando che nei modelli sperimentali animali è potente quanto la chemioterapia, ma al tempo stesso protegge i tessuti e gli organi sani. Riduce inoltre l’incidenza dei tumori di quasi il 50%. Ecco perché è così importante sottoporsi a questo tipo di dieta per cinque giorni ogni tre mesi se peso e circonferenza addominali sono ideali, una volta al mese se non lo sono, sempre dopo un confronto con un medico o biologo nutrizionista.

I consigli in più…

  • evitare il più possibile l’alcol
  • fare il pieno di grassi buoni (dall’olio di oliva, alla frutta a guscio, fino all’olio di cocco), riducendo i grassi saturi
  • parlare con l’oncologo della possibilità di assumere ogni giorno per qualche settimana 6 grammi di vitamina C per via orale

Nella campagna “Non smettere di danzare” un potente messaggio di resilienza

“La mia vita è cambiata quando ho avuto il tumore, ma è ricambiata ancora grazie all’incontro con un nutrizionista della Fondazione Valter Longo, che mi ha aiutata a rafforzare il mio percorso di cura permettendomi di realizzare il mio sogno: vedere la mia nipotina. A chi si ammala dico di non smettere di danzare, si cade e ci si rialza”. Questo il messaggio di Lucia, paziente oncologica della Fondazione Valter Longo Onlus, che in un video di forte impatto emozionale, dal titolo “Non smettere di danzare”, realizzato per Fondazione da Action Agency, ha mandato per condividere la sua storia di resilienza e testimoniare come l’Assistenza Nutrizionale ricevuta dalla Fondazione ha fatto la differenza per vincere la sua dura battaglia.

Come destinare il 5 per mille alla Fondazione Valter Longo Onlus

Fondazione Valter Longo Onlus 5x1000Donare il 5×1000 è un gesto dal valore incalcolabile, ma anche molto semplice.

modelli per la dichiarazione dei redditi CU, 730 e UNICO contengono uno spazio dedicato al 5 per 1000. Nella sezione relativa al Finanziamento della ricerca scientifica e della università puoi firmare e indicare il codice fiscale della Fondazione Valter Longo Onlus 95196780100.

Quando? Dal 2 maggio 2021 al 30 giugno 2021, se la presentazione viene effettuata in forma cartacea per il tramite di un ufficio postale. Entro il 30 novembre 2021, se la presentazione viene effettuata per via telematica, direttamente dal contribuente ovvero se viene trasmessa da un intermediario abilitato alla trasmissione dei dati

www.fondazionevalterlongo.org/5×1000/

 

Fonti: 

[1] “I numeri del cancro in Italia 2018” Aiom-Airtum

La Fondazione Valter Longo Onlus

Fondazione Valter Longo Onlus nasce a Milano nel 2017 e si occupa di salute e longevità sana, realizzando principalmente visite nutrizionali gratuite per soggetti svantaggiati e progetti di educazione alimentare nelle scuole, ma anche progetti per il benessere e il miglioramento della qualità della vita dei dipendenti nell’ambito di iniziative di well-being aziendale. La Fondazione nasce per volere del Professor Valter Longo, Direttore del Programma di Oncologia e longevità dell’IFOM di Milano e Direttore del Longevity Institute dell’USC (University of Southern California) Davis School of Gerontology di Los Angeles – conosciuto in tutto il mondo per l’invenzione del Programma che mima il digiuno e per il suo best-seller mondiale “La dieta della Longevità”, tradotto in 19 lingue con oltre 1 milione di copie vendute solo in Italia e USA. Il Professor Valter Longo è stato inserito dalla rivista americana Time nella lista dei 50 personaggi più influenti del 2018 in ambito salute e nel 2020 ha aperto la sua prima clinica della Longevità a Los Angeles offrendo assistenza con un team di medici, biologi e dietisti che operano in modo integrativo per combinare la medicina tradizionale con interventi innovativi focalizzati sulla nutrizione.
https://www.fondazionevalterlongo.org/