I coralli del Mar Rosso vivono vicino alla soglia di resistenza al freddo: il cambiamento climatico rischia di distruggerli

Sebbene i coralli possano tollerare temperature molto elevate, un nuovo studio rivela che anche un leggero incremento di freddo può causare lo sbiancamento dei coralli del Mar Rosso

MeteoWeb

Le barriere coralline sono uno degli ecosistemi biologicamente più diversificati sulla terra. Nel Mar Rosso settentrionale e nel Golfo di Aqaba i coralli hanno anche una tolleranza eccezionalmente elevata all’aumento della temperatura dell’acqua di mare, che ora si verifica come conseguenza del riscaldamento globale. Questa caratteristica ha portato gli scienziati della barriera corallina a designare questa regione come un potenziale rifugio della barriera corallina di fronte ai cambiamenti climatici, una barriera corallina dove i coralli possono sopravvivere più a lungo di altri che si perdono a una velocità allarmante a causa della pressione umana.

Tuttavia, il cambiamento climatico globale si tradurrà anche in modelli meteorologici più variabili, inclusi periodi di freddo estremo. Alcuni ricercatori prevedono che la regione del Mar Rosso stia entrando in una fase di raffreddamento. Pertanto, i ricercatori della Bar-Ilan University e dell’Interuniversity Institute for Marine Science di Eilat hanno condotto un esperimento per studiare l’effetto di un inverno insolitamente freddo sui coralli del Golfo di Aqaba.

In un articolo recentemente pubblicato sulla rivista PeerJ , dimostrano che un inverno anche 1 ° C più freddo della media si traduce in una risposta allo stress fisiologico simile a quella osservata in altri coralli sotto stress da caldo. Questo risultato mostra per la prima volta quanto i coralli pericolosamente vicini del Golfo di Aqaba vivano alla loro soglia di temperatura inferiore.

Precedenti studi condotti all’interno del gruppo di ricerca del Prof.Maoz Fine, della Mina dell’Università di Bar-Ilan e della Facoltà di scienze della vita dell’Everard Goodman, hanno utilizzato esperimenti controllati nel Red Sea Simulator System per esporre coralli localmente abbondanti all’aumento delle temperature dell’acqua di mare che dovrebbero verificarsi all’interno e oltre questo secolo. Diversi esperimenti hanno scoperto che i coralli di questa regione hanno una straordinaria tolleranza alle alte temperature, che uccidono i coralli in altre parti del mondo. Il laboratorio del Prof. Fine e ricercatori di altri gruppi hanno testato più specie di corallo e in diverse fasi del loro ciclo di vita, comprese le fasi riproduttiva e larvale, che sono tipicamente più sensibili ai cambiamenti ambientali; mostrano tutti una tolleranza simile.

“Anche se abbiamo ripetutamente dimostrato la tolleranza alle alte temperature dei coralli sulle barriere poco profonde di Eilat, volevamo testare la possibilità che questa eccezionale tolleranza al calore arrivi con il compromesso di essere sensibili al freddo”, ha detto la dott.ssa Jessica Bellworthy, che ha condotto la sua ricerca di dottorato nel laboratorio del Prof. Fine. “In effetti abbiamo scoperto che l’esposizione a periodi di acqua fredda provoca una risposta fisiologica simile allo sbiancamento”. Meglio conosciuta come risposta alle alte temperature dell’acqua, lo sbiancamento dei coralli, è la perdita di simbionti algali che devono essere presenti all’interno del tessuto corallino per fornire energia al corallo. Senza i simbionti, le possibilità di mortalità dei coralli sono alte. Lo sbiancamento dei coralli è oggi la principale causa di declino dei coralli nel mondo. Perciò,

Tuttavia, i coralli stressati dal freddo di Bellworthy e Fine non sono morti e si sono ripresi una volta che la temperatura dell’acqua è tornata alla normalità. I coralli sperimentali sono stati mantenuti a temperature normali e poi sono stati sottoposti a un secondo test: un’estate insolitamente calda. “È stata una scoperta importante per noi capire che anche quegli individui che hanno sofferto il freddo stress invernale, non si sono ancora sbiancati alle alte temperature”, dice Bellworthy. Questa è una buona notizia per i coralli nel Golfo di Aqaba; l’elevata tolleranza termica non viene persa e quindi i coralli non dovrebbero subire due eventi di sbiancamento nello stesso anno, una minaccia che deve affrontare altri come la Grande Barriera Corallina in Australia.

Le barriere coralline sono altamente sensibili ai cambiamenti di temperatura. Pertanto, identificare quelli che rispondono in modo diverso allo stress termico aiuta a comprendere i meccanismi di adattamento ambientale nei coralli. Inoltre, i ricercatori possono concentrare l’attenzione sulla conservazione e lo studio di tali barriere coralline uniche.