Hunza: i segreti del popolo più longevo del pianeta

Ai piedi della catena dell’Himalaya vivono gli Hunza, ritenuti da più fonti la popolazione più longeva al mondo: quali sono i loro segreti?

MeteoWeb

Siamo in Pakistan del Nord, ai piedi della catena dell’Himalaya. E’ qui che si trovano gli Hunza, ritenuti da più fonti la popolazione più longeva al mondo. Quali sono i loro segreti? Sono in tanti a chiedersi cosa li faccia vivere così a lungo (pare che alcuni individui raggiungano i 150 anni e che le donne siano fertili sino a 90 anni, partorendo figli a 65). Si sa che consumano moltissime albicocche, fresche o essiccate, nelle zuppe, sotto forma di succo mescolato con ghiaccio o neve per ricavare una specie di gelato. Molto della loro misteriosa sopravvivenza è racchiuso nella loro alimentazione semplice e salutare. Niente alimenti industriali, processati, inscatolati o confezionati, niente additivi chimici. Gli Hunza, al contrario, consumato tè, tisane, l’erba tumuro (timo selvatico) oltre a noci, cereali, in particolare grano saraceno, miglio e orzo, legumi, uova, raramente formaggio e latte di capra locale.

Si sa che fanno il bagno in acqua fredda, non adottano spuntini fuori orario, sono molto misurati nel cibarsi, non mangiano nulla durante la cd “Primavera di fame”, per circa 2-4 mesi, nutrendosi solo con succo di albicocca secca. Questo popolo vive dei frutti stagionsli della natura, di un lungo periodo di carestia nei mesi invernali, adotta un forzoso digiuno terapeutico, percorre chilometri a chilometri a piedi durante il giorno, è prevamentemente vegetariano, non conosce l’inquinamento atmosferico, ambientale ed elettromagnetico, né lo stress della civiltà evoluta o l’uso della tecnologia.

Ma basta il suo stile di vita semplice e sano ad apportar tutta questa longevità? Fu il dottor Henri Coanda, padre della dinamica dei fluidi, il primo ad analizzare, negli anni 50, le proprietà benefiche dell’acqua che gli Hunza bevevano, scoprendo che essa possiede un elevato livello di ph, quindi si tratta di un’acqua alcalina, una straordinaria quantità di idrogeno attivo, un notevole potenziale antiossidante e un elevato contenuto di minerali colloidali. E un’acqua anomala, ossia le sue proprietà cambiano a seconda dei luoghi. Nella regione degli Hunza si congela a una temperatura differente rispetto ai valori dell’acqua della città. Differenti rsono anche la viscosità, la tensione superficiale e l’indice di rifrazione. E’ nascosto forse in quest’acqua così particolare il segreto della longevità degli Hunza?