Previsioni meteo: confermata anche la seconda e più intensa irruzione fredda del 6-8 aprile

Previsioni meteo: una saccatura subpolare di matrice scandinava affonderebbe la sua azione nel cuore del Mediterraneo portando 2/3 giorni di freddo e anche fiocchi in collina

MeteoWeb

Le simulazioni modellistiche continuano a proporre scenari spiccatamente invernali per la prima parte della prossima settimana. Se il quadro evolutivo rimarrà con poche variazioni nei prossimi 2/3 giorni, effettivamente le previsioni meteo saranno inequivocabilmente orientate verso un colpo di coda invernale in grande stile.  La fase in cui dovrebbe realizzarsi l’affondo della saccatura fredda nordeuropea, andrebbe da martedì 6 a giovedì 8 aprile, quindi in tempi non eccessivamente lunghi. Ci sentiamo di dire, stando agli ultimi forecasts analizzati, che se anche dovessero intercorrere traiettorie diverse il riferimento all’affondo della saccatura, con buona probabilità difficilmente potrebbe evitarsi una nuova fase di calo termico sensibile per gran parte del paese, almeno per 24/48 ore se non anche oltre.

L’ampiezza della saccatura proposta, infatti, e lo spessore della massa d’aria fredda che viaggerebbe al suo interno, nonché anche la buona uniformità di vedute da parte di tutti centri di calcolo in riferimento all’affondo verso il nostro bacino, sono elementi che depongono per una probabilità medio-alta che l’Italia possa vivere una fase simil invernale. A questa distanza, tuttavia, non si hanno altri elementi per poter valutare l’instabilità associata all’affondo. I modelli matematici dovranno ancora valutare bene la traiettoria delle correnti e evidentemente anche l’ipotesi di innesco di minimi depressionari al solo nonché, qualora l’innesco avvenisse, l’esatta collocazione. Viene da sé che è ancora  superfluo esprimersi sull’entità delle precipitazioni e su quali aree più interessate. E’ tuttavia lecito supporre, rispetto alle dinamiche prospettate, che l’instabilità potrebbe manifestarsi anche in forma talora nevosa su alcune aree e persino a bassa quota. Nulla esclude, a ora, però, che la saccatura possa entrare sul nostro Bacino più “di sbieco”, quindi con asse non centrale sullìItalia, magari spostato a Est o più contratto verso il Centro Nord Europa in modo da non attivare importanti azioni depressionarie e di conseguenza con poca instabilità. Per il momento, i dati confermano previsioni meteo per la prima parte della prossima settimana a rischio azione invernale. La redazione di MeteoWeb continuerà a monitorare l’evoluzione, apportando quotidiani aggiornamenti.

Per monitorare la situazione meteo in tempo reale, ecco le migliori pagine del nowcasting: