Previsioni Meteo, cresce l’allerta maltempo: i fenomeni più estremi nelle prossime 24 ore, forti temporali e neve a bassa quota

Previsioni meteo: un ciclone di origine nord Atlantica si dirige verso il Mediterraneo provocando un'esasperazione del maltempo. Altri 90/100 mm di pioggia su diversi settori. I dettagli

MeteoWeb

Diverse regioni italiane, soprattutto settentrionali, ma anche alcune centrali, sono interessate ormai da 36/48 ore da un’azione instabile, a tratti anche perturbata, di matrice sudoccidentale. Come da previsioni meteo, una saccatura di aria fredda dal Mare del Nord ha affondato la sua azione verso i settori orientali oceanici fino a quelli iberici, andando a sollevare intense masse d’aria umida e instabile lungo l’ascendente depressionario che è sostanzialmente coinciso con il Mediterraneo occidentale, la Penisola Iberica, le Baleari, la Francia e anche i nostri settori settentrionali e dell’alto Tirreno. Molte piogge, temporali anche locali nubifragi hanno interessato nelle ultime ore molte regioni settentrionali, ma di più la Liguria e anche l’alta Toscana, dove sono caduti ingenti quantitativi di acqua . Pioggia di buona consistenza un po’ su tutto il Nord, localmente al Centro, essenzialmente sul resto della Toscana e localmente, specie in queste ore, sulla Sardegna; fenomeni più irregolari sul resto del Centro.

Al margine dell’azione instabile, le regioni meridionali dove, semmai, sono arrivate nubi irregolari, ma  fenomeni mediamente assenti o qualcuno occasionale davvero debole tra la Campania, la Lucania e il Nord  Puglia. Ma un’altra fase, probabilmente ancora più perturbata di quella già passata, è attesa dalle prossime ore notturne e soprattutto nel corso della giornata di domani, lunedì 12 aprile, essenzialmente al Centro Nord. Le previsioni meteo, infatti, annunciano un’affondo più diretto della saccatura sub-polare verso il nostro bacino e sempre più in accentramento all’Italia sicché i fronti perturbati si faranno più cattivi e in azione soprattutto tra la Toscana, il Levante ligure, l’alto Piemonte, la Lombardia e i settore alpini e prealpini centro-orientali tutti. In particolare, su queste aree sono attesi rovesci, temporali e anche possibili nubifragi, con altri importanti quantitativi di acqua che, entro le 24.00 di lunedì 12 aprile, potranno essere diffusamente nell’ordine di altri 30/40/60 mm, ma fino a 90/100 mm su alcuni settori, specie tra Lucchese, Nord Pisano, Ovest Pistoiese, Toscana e, verso il Nordest, sull’alto Friuli. Nubi e piogge riguarderanno naturalmente un po’ tutto il Nord, però sui rimanenti settori fenomeni più irregolare e meno intensi. Piogge diffuse e per qualche fase forti anche sul resto della Toscana, localmente sul Centro Nord Sardegna, piogge mediamente deboli o moderate sul resto del Centro. Per la giornata di domani, le previsioni meteo computano più nubi irregolari anche al Sud e sul medio-basso Adriatico, però i fenomeni continueranno a essere in buona parte assenti o comunque, se localmente presenti, saranno in forma debole e localizzati. Le temperature sono attese in leggero generale caro, più apprezzabile dal pomeriggio-sera sui settori alpini e prealpini, dove arriveranno nevicate abbondanti, dapprima a quote medie o fino a 800 m sui confini, poi in abbassamento di quota, fino a 400 m al Nordest in serata.

Per monitorare il maltempo in atto, ecco le migliori pagine del nowcasting: