Previsioni Meteo Veneto: nubi e pioggia da domani, brusco calo delle temperature

Previsioni Meteo, Arpa Veneto: in arrivo brusco calo delle temperature massime che si porteranno su valori inferiori alla media del periodo

MeteoWeb

Un promontorio anticiclonico sul Mediterraneo determinerà condizioni di tempo in prevalenza stabili sulla regione fino a domenica, con temperature massime in progressivo aumento. Da lunedì cedimento della pressione per l’approfondimento di una depressione di origine atlantica che determinerà un aumento della nuvolosità, precipitazioni da sparse a diffuse martedì, e un brusco calo delle temperature massime che si porteranno su valori inferiori alla media del periodo. Rinforzo della ventilazione dai quadranti orientali in pianura. Mercoledì residue condizioni di variabilità. Giovedì probabile nuovo impulso perturbato con nuove precipitazioni, più consistenti dei giorni precedenti“: queste le previsioni meteo per il Veneto, contenute nel consueto bollettino elaborato dagli esperti Arpav.
In dettaglio:

  • Oggi permangono condizioni di tempo stabile e in prevalenza soleggiato, salvo tratti di nuvolosità alta e sviluppo di modesti cumuli a ridosso dei rilievi; verso sera tendenza ad aumento della nuvolosità per ingresso di nubi medio-alte da sud ovest e sviluppo di nubi sui rilievi. Precipitazioni assenti in pianura, probabili locali fenomeni sulle zone prealpine, specie in serata (probabilità medio-bassa 25-50%). Temperature massime in ulteriore aumento, con valori che si porteranno un po’ sopra la media del periodo, specie in pianura. Venti in pianura fino a parte del pomeriggio deboli variabili, a regime di brezza sulla costa, in seguito tendenza a moderato rinforzo dai quadranti orientali. In quota venti deboli da nord-ovest.
  • Lunedì 26 variabilità con cielo in prevalenza nuvoloso o molto nuvoloso.
    Precipitazioni: Al mattino probabili precipitazioni sparse (probabilità medio-bassa 50-75%) sui settori centro-settentrionali, generalmente assenti altrove; nel corso del pomeriggio tendenza ad un temporaneo esaurimento dei fenomeni, per poi riprendere a fine giornata a partire dai settori meridionali della pianura. Il limite della neve sarà in calo da 1800/2000m a 1600/1900m in tarda serata.
    Temperature: Minime in aumento salvo risultare in diminuzione in quota, massime in sensibile calo, con valori sotto la media del periodo.
    Venti: In pianura dai quadranti orientali moderati, a tratti tesi, specie sulla costa. In quota deboli/moderati occidentali.
    Mare: Mosso.
  • Martedì 27 cielo molto nuvoloso o coperto.
    Precipitazioni: Probabili precipitazioni diffuse al mattino, sparse nel pomeriggio (probabilità alta 75-100%), in probabile diradamento e progressivo esaurimento a fine giornata. Il limite della neve sarà inizialmente intorno ai 1400/1600 m, localmente anche a quote più basse nelle valli dolomitiche più chiuse e in caso di rovesci, in successivo rialzo fino a 1600/1800 m.
    Temperature: Temperature in generale diminuzione, con valori massimi ben sotto la media del periodo.
    Venti: Clima ventoso in pianura per venti dai quadranti orientali moderati, a tratti tesi nell’entroterra, in prevalenza tesi sulla costa; tendenza ad attenuazione dei venti a fine giornata. In quota deboli, a tratti moderati, da sud-ovest.
    Mare: Mosso, a tratti anche molto mosso sui settori costieri centro-meridionali nel pomeriggio.
  • Mercoledì 28 cielo molto nuvoloso salvo qualche possibile parziale schiarita. Precipitazioni generalmente assenti salvo possibili locali fenomeni, specie nel pomeriggio e a ridosso dei rilievi. Limite della neve intorno ai 2000/2200 m. Temperature minime stazionarie, in calo sulle zone montane; massime in ripresa, specie in pianura.
  • Giovedì 29 tempo perturbato con cielo in prevalenza molto nuvoloso, salvo parziali schiarite in pianura. Probabili precipitazioni inizialmente sparse, a tratti diffuse sulle zone montane, nel corso del pomeriggio fenomeni diffusi e più consistenti sulla regione con rovesci ed occasionali temporali, salvo sui settori più meridionali della pianura dove risulteranno meno frequenti. A fine giornata tendenza ad esaurimento delle precipitazioni sulla bassa pianura. Limite della neve intorno ai 2000/2200 m. Temperature minime in aumento, massime senza notevoli variazioni o in locale aumento. Venti in quota in rinforzo da sud-ovest.