Previsioni Meteo Veneto: tempo variabile, spazi di sereno alternati ad addensamenti nuvolosi

Previsioni Meteo, Arpa Veneto: dopo il clima diurno piuttosto freddo di martedì, le temperature massime sono un po' in ripresa

Una saccatura d’aria fredda, giunta da nord, isola un’ampia circolazione ciclonica che nei prossimi giorni porterà il suo nucleo sull’Europa sud-occidentale; sul Veneto il tempo nel complesso da perturbato diventa variabile, con spazi di sereno alternati ad addensamenti nuvolosi e solo a tratti qualche modesta precipitazione; dopo il clima diurno piuttosto freddo di martedì, le temperature massime sono un po’ in ripresa, le minime sono fredde per la stagione in particolare mercoledì“: queste le previsioni meteo per i prossimi giorni, contenute nel consueto bollettino elaborato dagli esperti Arpav.
In dettaglio:

  • Oggi cielo dapprima da coperto a molto nuvoloso e poi irregolarmente nuvoloso, con spazi di sereno via via più significativi da ovest specie nelle ultime ore; probabilità in diminuzione di precipitazioni da sparse a locali, deboli salvo occasionali rovesci ed eventualmente nevose da circa 800-1100 m; giornata piuttosto fredda per la stagione, con temperature minime raggiunte a tarda sera; fasi di vento significativo da nord in quota, qualche probabile episodio di Foehn nelle valli ed occasionalmente sulla fascia pedemontana.
  • Domani nelle prime ore cielo sereno o poco nuvoloso salvo occasionali nebbie o nubi basse in pianura e nelle valli, poi modesta variabilità con spazi di sereno alternati a nubi probabilmente più presenti in montagna.
    Precipitazioni: Assenti, salvo una probabilità verso fine giornata da nulla o molto bassa (0-5%) a bassa (5-25%) di locali modesti fenomeni sulle zone montane, eventualmente nevosi da circa 900-1200 m.
    Temperature: Minime in calo salvo occasionali contenute controtendenze sulla costa e sulla fascia pedemontana, nettamente negative in montagna, con valori sull’entroterra pianeggiante prossimi allo zero o localmente anche un po’ inferiori sulle zone interne; le massime in genere aumenteranno.
    Venti: In quota nelle primissime ore da tesi a moderati e poi da moderati a deboli, perlopiù dai quadranti settentrionali; altrove direzione variabile, con intensità debole o a tratti localmente moderata in pianura.
    Mare: Nelle prime ore da mosso a poco mosso, poi da poco mosso a quasi calmo.
  • Giovedì 15 tempo variabile, con molte nubi specie in montagna fino a metà giornata, in seguito schiarite sparse; alla sera, non si escludono occasionali nebbie o nubi basse in pianura e nelle valli.
    Precipitazioni: Probabilità nel complesso medio-alta (50-75%) sulle zone interne, medio-bassa (25-50%) su bassa pianura e costa; fasi di fenomeni sparsi, perlopiù modesti salvo qualche possibile rovescio su pianura e Prealpi, con limite delle nevicate in rialzo da 600-900 m a 800-1100 m circa; tendenza a cessazione nelle ore serali.
    Temperature: In quota sulle Dolomiti, non varieranno molto; altrove, minime in aumento e massime in contenuto calo.
    Venti: In quota nelle ore pomeridiane moderati dai quadranti settentrionali, per il resto deboli con direzione variabile; altrove generalmente deboli con direzione variabile, salvo in pianura locali temporanei rinforzi di moderata intensità dai quadranti orientali.
    Mare: Da poco mosso a quasi calmo.
  • Venerdì 16 leggera variabilità, con ampi spazi di sereno soprattutto fino al mattino e un po’ di nubi sparse in seguito; precipitazioni generalmente assenti, salvo locali modesti fenomeni su pianura e Prealpi; le temperature minime subiranno contenute variazioni di carattere locale con prevalenza delle diminuzioni, per le massime prevarrà un moderato aumento.
  • Sabato 17 nubi in aumento, con alcuni spazi di sereno più presenti nelle prime ore soprattutto sulle Dolomiti, copertura crescente in seguito specie su pianura e Prealpi; saranno probabili a tratti un po’ di precipitazioni, sparse sulle zone montane e locali su quelle pianeggianti, con limite delle nevicate in rialzo fino a 1200-1500 m; temperature minime in aumento, massime in aumento sulle zone centro-settentrionali e stazionarie o in leggera diminuzione altrove.