Meteo, dopo la pioggia, un meraviglioso tramonto con arcobaleno al Centro-Sud: le bellissime immagini da Roma allo Stretto di Messina [FOTO]

Meteo, dopo una giornata di pioggia e freddo, ci ha pensato la natura a dare un tocco di magia: le immagini degli splendidi arcobaleni che hanno incantato il Centro-Sud

/
MeteoWeb

La giornata di oggi sull’Italia è stata caratterizzata dalla presenza di nuvole e piogge in diverse regioni, in particolare su quelle centro-meridionali e insulari, dove hanno agito maggiormente le correnti settentrionali instabili anche a carattere relativamente freddo.

E così, dopo una giornata di pioggia e freddo, ci ha pensato la natura a dare un tocco di magia con splendidi arcobaleni che hanno accompagnato il tramonto al Centro-Sud, da Roma alla Basilicata e fino allo Stretto di Messina, come mostrano le foto della gallery scorrevole in alto. In alcuni casi, si è potuto ammirare anche un doppio arcobaleno.

Cos’è e come si forma un arcobaleno

L’arcobaleno è un fenomeno ottico e meteorologico che si può osservare quando la luce del Sole attraversa le gocce d’acqua rimaste in sospensione nell’aria dopo un temporale, o presso una cascata o una fontana.

Visivamente è un arco composto da sette colori principali: rosso, arancione, giallo, verde, azzurro, indaco e violetto, con il rosso all’esterno e il viola nella parte interna. Gli arcobaleni più spettacolari possono essere osservati quando metà del cielo è ancora scuro per le nuvole di pioggia e l’osservatore si trova in un punto con sopra il cielo sereno. L’effetto dell’arcobaleno è anche comune vicino alle cascate o alle fontane. Da un aeroplano, si ha l’opportunità di vedere un arcobaleno a forma di cerchio intero, con l’ombra dell’aereo nel suo centro.

La formazione dell’arcobaleno è determinata da tre effetti ottici distinti: rifrazione, riflessione e dispersione. I raggi solari, infatti, quando entrano in una goccia di pioggia, supposta sferica, vengono rifratti, cioè deviano la loro traiettoria. Ciò deriva da un principio fisico che si verifica quando un raggio luminoso passa da un ambiente poco denso (l’aria) ad uno più denso (l’acqua). Poiché questa deviazione è leggermente diversa per i vari colori che compongono la luce bianca (quella del Sole), avviene anche il fenomeno della dispersione. In pratica quello che inizialmente era un unico raggio di luce bianca, diventa un fascio di luce colorata. Quando infine questo fascio colorato arriva alla parete opposta della goccia, esso viene riflesso e rimandato indietro verso l’osservatore che può vederlo perché si evidenzia bene sul fondo scuro della nube che lo forma.

Doppio arcobaleno

Un doppio arcobaleno si verifica quando si forma un secondo arco sopra il primo, che ha l’inverso ordine dei colori. Un doppio arcobaleno si forma quando la luce viene rifratta o deviata in una direzione differente, più di una volta all’interno di una gocciolina di pioggia. Il secondo arcobaleno ha quasi il doppio dell’ampiezza del primo, ma una luminosità pari solo alla metà. I colori sono al contrario da destra a sinistra, andando dal rosso al viola. La luce rifratta all’interno delle gocce di pioggia può seguire uno di due percorsi differenti. Il percorso più breve forma l’arcobaleno principale. Il percorso più lungo porta al secondo arcobaleno, che ha un inverso modello dei colori.