Astronomia: arriva l’ultima congiunzione di Maggio, un incontro fugace tra Luna e Saturno

La Luna calante sorge insieme a Saturno: la congiunzione si potrà ammirare in direzione sudest, nella costellazione del Capricorno

Maggio finisce in bellezza, con una congiunzione in cui sono protagonisti il nostro satellite e il “Signore degli Anelli”: nel corso delle ultime ore della notte, prima del sorgere del Sole, il 31 maggio, la Luna calante sorgerà insieme a Saturno.
La congiunzione si potrà ammirare in direzione sudest, nella costellazione del Capricorno.

Per quanto riguarda l’osservabilità degli altri pianeti del Sistema Solare, Mercurio, tramontando dopo il Sole, si potrà scorgere intorno a metà mese sull’orizzonte ovest. Venere rimane molto basso sull’orizzonte, ed è visibile dopo il tramonto del Sole. Marte si può ammirare nelle prime ore della notte sull’orizzonte occidentale. Giove è visibile al mattino, nel cielo sudorientale. Saturno precede Giove nel cielo mattutino, sorge poco prima. Urano è praticamente inosservabile. Nettuno si può ammirare (per mezzo di telescopio) basso sull’orizzonte a est-sudest poco prima dell’alba.

In riferimento alle costellazioni, allo zenit troviamo l’Orsa Maggiore, la Stella Polare nell’Orsa Minore ci indica la direzione del Nord. Sotto l’Orsa Minore ammiriamo Cassiopea e Cefeo. Tra le due Orse troviamo il Dragone. Tra Orsa Maggiore, Leone e Bootes, scorgiamo le costellazioni dei Cani da Caccia e della Chioma di Berenice.
A nordest si intravedono Lira, Cigno e Aquila.
A ovest è ancora possibile vedere Gemelli e Cancro.
A sudest sorgono in tarda serata Bilancia, Scorpione e Sagittario.