Caso Denise Pipitone: il testimone anonimo esce allo scoperto e parla con l’avvocato di Piera Maggio

L'uomo che ha inviato la lettera anonima raccontando quello che vide l'1 settembre 2004 a Mazara del Vallo, quando scomparve la piccola Denise Pipitone, ora ha un volto e un nome

Dopo giorni di appelli, di suppliche, di inviti ad uscire allo scoperto, il testimone anonimo che ha inviato una lettera prima all’avvocato Frazzitta, legale di Piera Maggio, e poi alla trasmissione “Chi l’ha visto?“, è uscito allo scoperto. L’uomo che ha inviato la missiva raccontando quello che vide l’1 settembre 2004, quando a Mazara del Vallo scomparve la piccola Denise Pipitone, ora ha un volto e un nome. Gli appelli lanciati dall’avvocato Frazzitta sono stati accolti e l’uomo si è presentato nello studio del penalista. Secondo quanto rivela il quotidiano ‘livesicilia.it‘, l’uomo, autore di una lettera anonima sulla scomparsa della bambina, oggi vive in un paese della provincia di Trapani ma 17 anni fa risiedeva a Mazara del Vallo. Nella sua missiva anonima ha raccontato di avere visto quel giorno la bambina in un’auto piangere e urlare “aiuto mamma“.

La lettera anonima conteneva particolari ritenuti credibili, comprensivi di dettagli contenuti nel vecchio fascicolo dell’inchiesta, ma passati in secondo piano e fuori dal circuito mediatico. Da questo se ne deduce che il testimone li conosca solo perché li ha visti con i propri occhi. Speriamo che sia la svolta giusta che tutti, da 17 anni, attendiamo.