Covid, la figlia del comandante Capurro: “Mio padre è nella cella frigorifera della nave al largo di Singapore, tra pezzi di carne e scarti di pesce”

Un dramma quello descritto in prima persona da Maria Eleonora Mollard, figlia del comandante di marina mercantile Angelo Andrea Capurro, che è deceduto di Covid il 17 aprile 2021, mentre era in servizio all’estero su una nave della compagnia Italia Marittima di Trieste. Come spiega la figlia nel racconto autografo su MOW (mowmag.com), la nave continua tutt’ora a navigare, dato che nessun porto ha autorizzato l’attracco. Il corpo del comandante “si trova ancora nella cella frigorifera dell’imbarcazione, tra pezzi di carne e scarti di pesce“, secondo quanto riferisce Maria Eleonora Mollard, che ha ricostruito la vicenda personale sul magazine lifestyle edito da AM Network: dalla partenza il giorno 2 aprile, quando “non è stato vaccinato“, al momento in cui “cominciò ad avere sintomi” di Covid a bordo, fino alle “richieste di soccorso minimizzate, se non ignorate“. Al momento è in corso una causa penale ed è stata attivata dai figli del comandante una campagna di raccolta fondi su GoFundMe per agevolare il rientro della salma in Italia.