Festa della Mamma: quali sono le origini storiche della ricorrenza?

Le ragioni per festeggiare la Mamma sono tante, così come sono numerose le ipotesi sulle origini storiche della sua Festa

Di mamma ce né una sola ma le ragioni per festeggiarla sono tante, così come numerose le ipotesi sulle origini storiche della Festa della mamma; ricorrenza volta a celebrare l’importanza della figura materna nella sua veste affettiva e sociale. La figura della madre concepita come origine della vita di ogni essere, è sempre stata il fulcro di ogni cultura e di ogni religione. Nel mondo antico le comunità greche, prima dell’avvento dei miti e delle divinità dell’Olimpo, veneravano una sola dea: Potnia. La Grande Madre era raffigurata come una figura femminile abbondante nelle forme: rappresentava la fertilità e  la vita. Con l’avvento del politeismo la Madre fu incarnata nella Titana Rhea, sposa di Crono e madre di Zeus, Poseidone e Ade. A lei, ritenuta grande procreatrice, gli Elleni dedicarono un giorno di festeggiamenti ogni anno.

I Romani, invece, festeggiavano per una settimana Cibele, madre di Giove, Giunone, Nettuno, Cerere e Plutone, divinità simbolo della natura e di tutte le madri, durante i Floralia, che s i svolgevano a maggio, mese dei fiori. Con l’avvento del Cristianesimo, la figura di Cibele venne sostituita dalla Madonna, madre per eccellenza per aver portato in grembo il Figlio di Dio, celebrata sempre nel mese di maggio.