“Gli UFO esistono, e sono serio”: Barack Obama e la sua verità, dopo che il governo USA ha ammesso l’autenticità di diversi video

Barack Obama ha ammesso che ci sono "filmati e registrazioni di oggetti nei cieli, che non sappiamo esattamente cosa siano. Non possiamo spiegare come si sono mossi, la loro traiettoria"

Barack Obama è uno di noi. L’ex presidente degli USA vuole sapere la verità su altre eventuali forme di vita nello Spazio. E anzi, lui si dice certo di una cosa: “Gli Ufo esistono. Non si scherza”. Nel corso del programma “The Late Late Show” all’inizio di questa settimana , Obama ha parlato di forme di vita extraterrestri, dapprima in tono ironico e scherzoso, ma facendosi poi più serio: “Ciò che è vero, e in realtà sono serio qui, è che ci sono, ci sono filmati e registrazioni di oggetti nei cieli, che non sappiamo esattamente cosa siano. Non possiamo spiegare come si sono mossi, la loro traiettoria. Non avevano uno schema facilmente spiegabile. E quindi, sai, penso che la gente prenda ancora sul serio il tentativo di indagare e capire di cosa si tratta”.

L’ammissione di Obama che ci sono “filmati e registrazioni di oggetti nei cieli, che non sappiamo esattamente cosa siano. Non possiamo spiegare come si sono mossi, la loro traiettoria”,  in effetti è in linea con un più ampio riconoscimento da parte dei funzionari del governo – dopo decenni nei quali hanno sempre negato tutto – che gli UFO sono reali. Ovvio che, come spiega la stessa CNN, credere che gli UFO siano reali non implica il credere negli alieni; gli UFO sono semplicemente oggetti volanti non identificati. Non si presume che contengano altre forme di vita, sebbene sia una delle plausibili possibilità.

Il mese prossimo, l’Ufficio del Direttore dell’intelligence nazionale e del Segretario alla Difesa dovrà fornire ai comitati dei servizi armati e dell’intelligence del Congresso un rapporto non classificato sui “fenomeni aerei non identificati”. Tale requisito è stato inserito nella vasta proposta di legge utile a stanziare 2 trilioni di dollari, approvata dal Congresso e firmata dall’allora presidente Donald Trump alla fine dell’anno scorso, per far fronte all’emergenza Coronavirus.

Ma non solo. Come ha spiegato Zachary Cohen della CNN : “Quel rapporto deve contenere analisi dettagliate dei dati e dell’intelligence sugli UFO raccolti dall’Office of Naval Intelligence, dalla Unidentified Aerial Phenomena Task Force e dall’FBI, secondo la direttiva del comitato di intelligence del Senato”. E dovrebbe anche descrivere in dettaglio un processo interagenzia per garantire la raccolta tempestiva dei dati e l’analisi centralizzata di tutti i fenomeni aerei non identificati che riportano per il governo federale, designando un funzionario responsabile di tale processo.

Tutto ciò rappresenta, di gran lunga, il massimo che il governo statunitense abbia mai messo pubblicamente nero su bianco sugli UFO. Per molti anni, l’ex leader della maggioranza al Senato Harry Reid (D-Nevada) è stato una voce solitaria al Congresso sull’esistenza degli UFO. Nel 2007, Reid ha spinto per la creazione dell’Advanced Aerospace Threat Identification Program (AATIP), che era ospitato all’interno del Dipartimento della Difesa e di cui non si sapeva quasi nulla. In un profilo del programma del 2017 dal titolo: “Glowing Auras and ‘Black Money’: The Pentagon’s Mysterious UFO Program”,  il New York Times ha scritto: Il Dipartimento della Difesa non ha mai riconosciuto l’esistenza del programma, che afferma di aver chiuso nel 2012. Ma i suoi sostenitori affermano che, mentre il Pentagono ha interrotto i finanziamenti per lo sforzo in quel momento, il programma rimane in vigore. In passato per cinque anni, dicono, i funzionari del programma hanno continuato a indagare sugli episodi portati loro dai membri del servizio, mentre svolgevano anche gli altri compiti del Dipartimento della Difesa.

Nell’aprile 2020, quando il Pentagono ha pubblicato tre video di “fenomeni aerei non identificati, si è assistito per la prima volta ad un enorme passo avanti, perché se ne riconosceva l’esistenza. Ma Reid restò perplesso: “Sono contento che il Pentagono stia finalmente rilasciando questo filmato, ma graffia solo la superficie della ricerca e dei materiali disponibili”, ha twittato Reid in quel caso. “Gli Stati Uniti devono dare uno sguardo serio e scientifico a questo e alle potenziali implicazioni per la sicurezza nazionale. Il popolo americano merita di essere informato“.

L’esistenza degli UFO è ora pubblicamente riconosciuta a tutti i livelli di governo. In un’intervista con Maria Bartiromo di Fox News a marzo, John Ratcliffe, che ha servito come DNI durante l’amministrazione Trump, ha suggerito che il rapporto potrebbe essere una bomba pronta ad esplodere. “Francamente, ci sono molti più avvistamenti di quelli che sono stati resi pubblici“, ha detto Ratcliffe. “Stiamo parlando di oggetti che sono stati visti da piloti della Marina o dell’Air Force, o che sono stati immortalati da immagini satellitari, che francamente si impegnano in azioni che sono difficili da spiegare, movimenti che sono difficili da replicare, che non abbiamo la tecnologia per riprodurre o che stanno viaggiando a velocità che supera la barriera del suono senza un boom sonico”.

In altre parole: la verità è là fuori.