“Un misterioso deposito scuro” suggerisce che i vulcani di Marte potrebbero essere ancora attivi: uno studio avanza la possibilità di recenti condizioni abitabili

Trovate le evidenze di un’eruzione in un’area chiamata Elysium Planitia che sarebbe la più giovane eruzione vulcanica conosciuta su Marte

Evidenze di una recente attività vulcanica su Marte mostrano che entro gli ultimi 50.000 anni potrebbero essersi verificate delle eruzioni, secondo uno studio guidato dallo scienziato David Horvath, del Planetary Science Institute (PSI). La maggior parte del vulcanismo sul Pianeta Rosso si è verificata tra 3 e 4 miliardi di anni fa, con eruzioni più piccole in località isolate che forse sono continuate fino a 3 milioni di anni fa. Ma finora non c’erano evidenze che indicassero se Marte potesse essere ancora attivo dal punto di vista vulcanico, si legge sul sito del PSI.

Utilizzando i dati dei satelliti in orbita intorno a Marte, il team di ricerca ha trovato le evidenze di un’eruzione in un’area chiamata Elysium Planitia che sarebbe la più giovane eruzione vulcanica conosciuta su Marte, afferma Horvath, autore dello studio pubblicato sulla rivista Icarus. “Questa caratteristica è un misterioso deposito scuro, che copre un’area leggermente più grande di Washington D.C.. Ha un’alta inerzia termica, include materiale ricco di pirosseno ad alto contenuto di calcio ed è distribuita simmetricamente intorno ad un segmento del sistema di fessure Cerberus Fossae nell’Elysium Planitia, atipico dei depositi eolici nell’area. Questo potrebbe essere il più giovane deposito vulcanico mai documentato su Marte. Se dovessimo comprimere la storia geologica di Marte in un singolo giorno, questo si sarebbe verificato nell’ultimo secondo”, spiega Horvath.

Credit: MOLA Science Team

La maggior parte del vulcanismo nell’area dell’Elysium Planitia e altrove su Marte è costituita da lava che scorre sulla superficie, sebbene ci siano numerosi esempi di vulcanismo esplosivo sul pianeta. Tuttavia, questo deposito sembra essere diverso. “Questa caratteristica si sovrappone ai flussi di lava circostanti e sembra essere un deposito relativamente fresco di cenere e roccia, che rappresenta uno stile e un periodo di eruzione diversi rispetto alle caratteristiche piroclastiche precedentemente identificate. Questa eruzione potrebbe aver espulso cenere fino a 10km di altezza nell’atmosfera marziana ma probabilmente rappresenta l’ultimo sussulto del materiale eruttato. Elysium Planitia ospita parte del vulcanismo più giovane su Marte, che risale a circa 3 milioni di anni fa, quindi non è del tutto inaspettato. È possibile che questi tipi di depositi fossero comuni ma che siano stati erosi o sepolti”, spiega Horvath.

Il sito della recente eruzione si trova a circa 1.600km dal lander InSight della NASA, che sta studiando l’attività tettonica su Marte dal 2018. Nell’area intorno a Cerberus Fossae, sono stati localizzati due Marsquake (nome inglese per definire i terremoti su Marte) e un recente lavoro ha suggerito la possibilità che potessero essere dovuti al movimento di magma in profondità.

marte nasa
Credits: NASA/JPL-Caltech/USGS

“La giovane età di questo deposito avanza assolutamente l’ipotesi che potrebbe esserci ancora dell’attività vulcanica su Marte ed è intrigante che i recenti Marsquake rilevati dalla missione InSight  provengano da Cerberus Fossae. Tuttavia, sostenere del magma vicino alla superficie di Marte così tardi nella storia marziana, senza flussi di lava associati, sarebbe difficile e quindi probabilmente servirebbe una sorgente magmatica più profonda per creare questa eruzione”, aggiunge Horvath.

Un deposito vulcanico come questo ipotizza anche la possibilità di condizioni abitabili vicino alla superficie di Marte nella storia recente. “L’interazione del magma in risalita e del substrato di ghiaccio di questa area potrebbe aver fornito condizioni favorevoli per la vita microbica abbastanza recentemente e avanza la possibilità di vita ancora esistente in questa area”, afferma l’esperto.

Marte è pieno di sorprese scientifiche e questo non è il primo indizio circa un Pianeta Rosso che potrebbe nascondere segreti vulcanici. Uno studio del 2019 ha suggerito che un lago nascosto sotto la calotta glaciale meridionale potrebbe essere riscaldato da una camera magmatica. Tra i terremoti e la potenziale attività vulcanica, Marte potrebbe essere molto più interessante di quanto sembri. “Tutti questi dati sembrano raccontare la stessa storia: Marte non è morto”, conclude Jeff Andrews-Hanna, coautore dello studio.

Funghi su Marte? Scienziati sostengono di aver trovato le prove della vita sul Pianeta Rosso ma lo studio è accolto con scetticismo [FOTO]