Spazio: la sonda Voyager 1 rileva il “ronzio” del plasma spaziale

Le antenne di Voyager 1 sono in grado di ascoltare le onde di plasma, le particelle elettricamente cariche che costituiscono il vento solare

Una sonda della NASA ha rilevato uno strano “ronzio” al di fuori del sistema solare. Le antenne di Voyager 1, una delle due navicelle spaziali dell’agenzia spaziale americana lanciate 44 anni fa e ora l’oggetto piu’ distante creato dall’uomo nello spazio, sono in grado di ascoltare le onde di plasma, le particelle elettricamente cariche che costituiscono il vento solare. Il debole segnale somiglia ad una sorta di ronzio.

La scoperta è opera della ricercatrice Stella Koch Ocker, una studentessa di dottorato in astronomia della Cornell University, che in un articolo pubblicato su Nature Astronomy ha annunciato di aver rilevato questa particolare emissione. “E’ molto debole e monotono – ha detto Ocker – perche’ e’ in una larghezza di banda di frequenza stretta. Stiamo rilevando il debole, persistente ronzio del gas interstellare”. Questo lavoro consente agli scienziati di capire come il mezzo interstellare interagisce con il vento solare, ha detto Ocker, e come la bolla protettiva dell’eliosfera del sistema solare viene modellata e modificata dall’ambiente interstellare.

Lanciata nel settembre 1977, la sonda Voyager 1 ha volato intorno a Giove nel 1979 e poi intorno a Saturno alla fine del 1980. Viaggiando a circa 38.000 miglia orarie, la Voyager 1 ha attraversato l’eliopausa – il confine del sistema solare con lo spazio interstellare – nell’agosto 2012 e sfreccia nel mezzo interstellare.