Mascherina, quanto ti amo! A breve potrebbe non essere più obbligatoria, ma gli italiani vogliono indossarla

Stiamo andando incontro ad un'estate senza obbligo di mascherina. Ma cosa ne pensano gli italiani? La risposta stupisce parecchio

Al vaglio degli esperti e del governo c’è la possibilità di abbandonare l’obbligo di mascherina in vista dell’estate, visto il miglioramento dell’andamento del contagio da Covid e l’avanzata della campagna vaccinale. A spiegarlo è stato lo stesso premier, Mario Draghi. E a ribadirlo è stato il portavoce del Comitato tecnico scientifico Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di Sanità. L’obiettivo sarebbe quello di un’estate senza obbligo di mascherina. Ma cosa ne pensano gli italiani?

I cittadini non sembrano avere così tanta fretta di abbandonare il principale strumento di prevenzione personale, una presenza costante per tutti nell’ultimo anno. Sette italiani su dieci infatti continueranno ad usarla per sicurezza. E tra gli ‘affezionati’ alla mascherina il 55% è under 35. Solo un italiano smetterà di usare la mascherina appena possibile perché si sente comunque sicuro. E’ quanto emerge da un sondaggio Emg-Different/Adnkronos. Alla domanda ‘si va verso un’estate senza mascherine, lei come si comporterà?’ il 65% del campione risponde che continuerà ad indossarla per sicurezza; solo il 27% smetterà di usare la mascherina perché si sente sicuro (l’8% preferisce non rispondere). Tra coloro che dichiarano che continueranno ad usare la mascherina, il 64% uomini e il 66% donne. Diversificata la risposta a seconda delle fasce d’età: tra chi non vuole abbandonare la mascherina, il 55% ha meno di 35 anni, il 72% ha tra i 35 e i 54, il 65% ha più di 55 anni. Più equilibrate le risposte in base all’area geografica: si va dal 67% al Centro e nelle Isole, al 65% al Sud, al 64% al Nordovest, al 63% al Nordest. Il sondaggio, rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne per sesso, età, regione, classe d’ampiezza demografica dei comuni, è stato realizzato il 24 maggio 2021 con il metodo della rilevazione telematica su panel, su un campione di 1.525 casi (universo: popolazione italiana maggiorenne) e presenta un intervallo fiduciario positivo/negativo del 2,3%. Totale contatti: 2.000, tasso di risposta 76%; rifiuti/sostituzioni 475 (tasso di rifiuti 24%).