Meteo, super ondata di caldo nella Penisola Arabica e in Medio Oriente: sfiorati i +50°C, temperature record anche in Russia [DATI]

Meteo, un caldo estremo sta colpendo Medio Oriente, Caucaso e Penisola Arabica, con temperature che sfiorano i +50°C: è un evento raro in questo periodo dell'anno

/

Dopo il caldo record registrato nell’Artico russo e in parti della Scandinavia la scorsa settimana, un caldo estremo si è sviluppato anche sulla Penisola Arabica e sul Medio Oriente, con le temperature che hanno sfiorato i +50°C.

Il 20 maggio, alla stazione Naryan-Mar, in Russia, a nord del Circolo Polare Artico, sono stati registrati +31,9°C, una temperatura massima eccezionale che ha fatto a pezzi il precedente record di maggio di +27,8°C. La temperatura più alta di tutti i tempi a Naryan-Mar è di +33,9°C, raggiunta nel luglio del 1990. Il 17 e 18 maggio, Mosca ha battuto il suo record giornaliero di temperatura massima. La capitale russa ha toccato i +30,6°C il 17 maggio e +30,8°C il 18 maggio. La massima più alta di sempre a Mosca è di +33,2°C, registrata il 28 maggio 2007. Nell’intera storia delle osservazioni meteorologiche nella città, a Mosca non aveva mai fatto così caldo in questo periodo.

Il caldo estremo ora si concentra su Medio Oriente, Caucaso e Penisola Arabica. Numerose stazioni meteorologiche hanno sfiorato soglia +50°C. Si prevede che l’ondata di caldo record continui anche durante questa settimana, per diffondersi verso est su Iran meridionale e Pakistan.

L’ondata di caldo nel corso del weekend del 22-23 maggio ha portato temperature eccezionalmente alte sulla Penisola Arabica. Dall’Arabia Saudita ad Iraq, Iran, Oman, Emirati Arabi Uniti e Kuwait, diverse stazioni meteorologiche hanno registrato temperature di +46-49°C (vedi mappe della gallery scorrevole in alto). Sebbene questi Paesi siano abituati a temperature estremamente alte durante l’estate, l’attuale ondata di caldo è un evento raro a questo punto dell’anno, cioè prima dell’inizio ufficiale dell’estate meteorologica (1 giugno).

Venerdì 21 maggio, la città di Arafat, in Arabia Saudita, ha riportato +46,8°C mentre Amarah, in Iraq, ha raggiunto +47,6°C. A Sur, in Oman, toccati +46,9°C. Jahra, in Kuwait, ha raggiunto +47,5°C, mentre Omidieh e Abadan, in Iran, hanno toccato +48,4°C e +48°C rispettivamente.

Nella giornata di sabato 22 maggio, numerose stazioni hanno raggiunto +47-49°C in Iraq, parti dell’Iran occidentale e in Kuwait. L’Oman si è spinto fino a +47°C.

Domenica 23 maggio, a Sudanthile, in Qatar, sono stati registrati +47°C, un valore estremamente alto per il mese di maggio nel Paese, molto vicino al record di maggio nazionale stabilito all’Aeroporto di Doha nel 1986 e nel 2014 (+47,7°C). Registrati anche +49,1°C a Saih Al Salem, negli Emirati Arabi Uniti, dopo la temperatura più alta di +49,6°C registrata a Swiehan, sempre negli Emirati Arabi Uniti, il 22 maggio 2021. Nel corso del weekend, è stata registrata anche la temperatura di +48,6°C sull’isola di Abu Al Abyad, sempre negli Emirati Arabi Uniti.

Nuovi record di tutti i tempi per Turchia, Russia, Georgia e Armenia

La Russia ha battuto il suo record nazionale di caldo per il mese di maggio sabato 22. La stazione meteorologica a Khasavyurt, nella Repubblica di Dagestan, ha raggiunto +39,7°C: si tratta della temperatura più alta mai registrata in primavera in qualsiasi posto della Russia. Nemmeno il Caucaso è stato risparmiato da questa ondata di caldo, con temperature record anche in Georgia. Ad Ambrolauri (550 metri s.l.m.) è stata registrata una massima di +36,6°C, mentre +35,7°C sono stati registrato ad Akhaltsikhe (1.000 metri s.l.m.) .

Queste condizioni eccezionalmente calde hanno stabilito anche un nuovo record mensile di temperatura massima a Erevan, capitale dell’Armenia a 850 metri s.l.m.: raggiunti +36,1°C, che hanno infranto il precedente record di maggio di +34,8°C stabilito solo lo scorso anno, il 29 maggio 2020.

Un caldo record ha colpito anche parti della Turchia meridionale, con +40,4°C registrati a Urfa (battuto il record precedente di +40,3°C stabilito il 30 maggio 2019). Il 21 maggio, la stazione meteorologica di Cizre ha registrato +41,9°C; +41,8°C a Hasankeyf.

Questo caldo estremo continuerà anche questa settimana nell’area con temperature fino a +45-48°C. Il caldo più intenso interesserà ancora la Penisola Arabica, inclusi Arabia Saudita, Iraq meridionale, Kuwait, Emirati Arabi Uniti e Oman. Verso metà settimana, l’ondata di caldo si intensificherà anche sull’Iran meridionale, su una grande parte del Pakistan e verso l’India nordoccidentale, con valori di +46-48°C.