Spazio, pietra miliare per Virgin Galactic: successo per il primo volo di SpaceShipTwo partito dal New Mexico

Quello di ieri è stato il primo volo spaziale umano in assoluto a partire dal New Mexico, Virgin Galactic ha segnato una pietra miliare

Virgin Galactic ha lanciato il suo primo volo spaziale umano dal New Mexico: il veicolo SpaceShipTwo VSS Unity della società ha eseguito il suo 3° volo di prova con equipaggio nello spazio suborbitale ieri 22 maggio, compiendo un altro passo verso l’inizio delle operazioni commerciali.

I primi due voli spaziali di Unity sono avvenuti a dicembre 2018 e febbraio 2019: entrambe sono decollate dal Mojave Air and Space Port nel sud-est della California, vicino al quartier generale della filiale di produzione di Virgin Galactic, The Spaceship Company.
Il volo di ieri è decollato dall’hub commerciale di Virgin Galactic, Spaceport America, nel New Mexico: è stato il primo volo spaziale umano in assoluto a partire dallo Stato USA e Virgin Galactic ha segnato una pietra miliare.
Il fondatore di Virgin Group Richard Branson ha assistito allo storico evento: “Felice di essere sulla linea di volo per guardare il primo volo spaziale umano di Virgin Galactic dal maestoso Spaceport America“, ha scritto Branson su Twitter.

Il velivolo Unity è decollato sotto l’ala del suo aereo da trasporto, VMS Eve, intorno alle 16:35 ora italiana. Circa 50 minuti dopo, a un’altitudine di 44.000 piedi (13.411 metri), Eve ha lasciato cadere Unity, che poi ha acceso il suo motore.

Il veicolo spaziale ha raggiunto Mach 3 (tre volte la velocità del suono) e ha raggiunto un’altitudine massima di 89,2 km prima di iniziare il viaggio di ritorno sulla Terra, hanno precisato i rappresentanti di Virgin Galactic in un aggiornamento post-volo.
I piloti CJ Sturckow e Dave Mackay hanno completato l’atterraggio sulla pista intorno alle 17:45 ora italiana, concludendo il volo suborbitale. Nessun’altra persona era a bordo dell’Unity, anche se il veicolo trasportava alcuni carichi utili scientifici come parte del programma Flight Opportunities della NASA.

Unity aveva già tentato una volta di eseguire il volo spaziale n°3: il tentativo, il 12 dicembre 2020, è terminato prematuramente dopo che il motore dell’aereo spaziale non ha funzionato correttamente. Virgin Galactic ha rilevato il problema nell’interferenza elettromagnetica, che ha causato il riavvio del computer di bordo di Unity all’inizio della sequenza di accensione. L’implementazione e la convalida della correzione richiesta ha richiesto tempo, ritardando notevolmente il 2° tentativo.

Unity è nelle fasi finali della sua campagna di test, ma non è ancora pronta per portare a bordo clienti paganti. L’aereo effettuerà probabilmente molti altri voli di prova. Se avranno successo, le operazioni commerciali potrebbero iniziare all’inizio del 2022, hanno affermato recentemente i rappresentanti di Virgin Galactic.