Spazio: una costellazione di satelliti lunari per un’esplorazione sostenibile, la coraggiosa proposta europea

Una coraggiosa proposta permette di fare un passo avanti verso la creazione di una costellazione di satelliti lunari, sfruttabile a fini commerciali

Decine di team internazionali, istituzionali e commerciali stanno programmando missioni sulla Luna, prevedendo la possibilità di stabilirvi una presenza umana permanente. L’uso di un servizio di telecomunicazioni e di navigazione condiviso ridurrebbe il complesso lavoro di progettazione delle singole missioni future e le renderebbe più leggere, liberando spazio da dedicare a un maggior numero di strumenti scientifici o ad altre merci e abbattendo i costi di ogni singola missione.
Un collegamento lunare permanente permetterebbe un’esplorazione spaziale sostenibile.
ESA supporterà due consorzi di aziende che avranno il compito di formulare definizioni dettagliate di come fornire servizi di telecomunicazione e navigazione per le missioni lunari, nell’ambito dell’iniziativa Moonlight dell’agenzia.
A guidare il primo consorzio sarà la SSTL, Surrey Satellite Technology Ltd, sia in veste di fornitore di servizi di eccellenza con il suo marchio di servizi lunari SSTL Lunar che di produttore di satelliti. Faranno parte del consorzio anche il produttore di satelliti Airbus e i fornitori di reti satellitari SES, avente sede a Lussemburgo, Kongsberg Satellite Services, avente sede in Norvegia, Goonhilly Earth Station, avente sede nel Regno Unito e l’azienda britannica di navigazione satellitare GMV-NSL.
L’altro consorzio sarà guidato da Telespazio (una joint venture tra Leonardo al 67% e Thales al 33%), in collaborazione con: il produttore di satelliti Thales Alenia Space (una joint venture tra Thales al 67% e Leonardo al 33%); l’operatore satellitare Inmarsat, avente sede nel Regno Unito; l’azienda canadese di tecnologia spaziale MDA; Telespazio Germany e il produttore tedesco di satelliti OHB Systems; l’operatore satellitare spagnolo Hispasat; l’azienda italiana Aerospace Logistics Technology Engineering Company (ALTEC), l’azienda di ingegneria aerospaziale Argotec, Nanoracks Europe, il Politecnico di Milano e l’Università commerciale Luigi Bocconi.