Storica tempesta invernale in Texas: i morti a febbraio potrebbero essere stati 5 volte le cifre ufficiali

Il Texas ha riferito che i morti a febbraio sono stati 151 a causa della violenta tempesta invernale che si è abbattuta sullo stato, ma il bilancio potrebbe essere molto più alto

A febbraio scorso, il collasso del vortice polare ha fatto piombare gli USA in un gelo senza precedenti. In particolare, in Texas sono stati registrati -18°C e la neve ha raggiunto il Golfo del Messico. Il tutto a causa di una massa d’aria artica estremamente fredda che si è diffusa dal Canada agli USA con temperature di -40°C nel nord del Paese.

All’epoca dei fatti, il Texas ha riferito che i morti sono stati 151 a causa della tempesta, che ha provocato diffusi blackout nello stato, ma il numero di vittime potrebbe essere 5 volte tanto. Secondo un’analisi di BuzzFeed News, nella settimana in cui si sono verificate le interruzioni di corrente più diffuse, sarebbero morte circa 700 persone.La nostra analisi, esaminata da tre esperti indipendenti, suggerisce che sono decedute tra le 426 e le 978 persone in più del previsto nella sola settimana terminata il 20 febbraio. La nostra migliore stima è che 702 persone siano state uccise dalla tempesta quella settimana“, riporta il sito.

Il portavoce del governatore repubblicano del Texas Greg Abbott ha affermato di piangere “ogni singola vita persa” durante la tempesta, ma non ha risposto alle domande sull’enorme differenza nei numeri. “Ora sappiamo che il ripetuto fallimento del governo nel modernizzare i nostri sistemi energetici ha ucciso oltre 700 texani nella tempesta invernale di febbraio“, ha twittato invece l’ex candidato democratico alle presidenziali Beto O’Rourke.