Tensioni post-Brexit sulla pesca a Jersey: Londra invia navi militari per proteggere l’isola dal blocco dei pescherecci francesi [FOTO]

Schierate navi da guerra intorno all'isola di Jersey, dove decine di pescherecci francesi si sono radunati in protesta

/

Una sessantina di pescherecci francesi sta bloccando il porto di St Helier sull’isola di Jersey, nel Canale della Manica: i pescatori protestano contro le nuove regole sulla pesca, in base al Trade and Cooperation Agreement tra Unione europea e Regno Unito, che ha apportato cambiamenti ai diritti di pesca delle flotte del Regno Unito e dell’UE.
In un’escalation della controversia sull’accesso post-Brexit alle acque intorno all’isola della Manica, il primo ministro britannico Boris Johnson ha inviato due motovedette della Royal Navy per proteggere Jersey dal blocco dei pescherecci francesi. La decisione segue i colloqui di mercoledì sera tra il capo del governo di Londra e il primo ministro della dipendenza della corona britannica, John Le Fondré, che aveva avvertito Downing Street di imminenti movimenti di pescherecci francesi per tagliare il porto principale dell’isola.
HMS Severn e HMS Tamar, motovedette della Royal Navy, sono armate con cannoni progettati per proteggere da attacchi veloci e hanno due mitragliatrici sul ponte, riporta il Guardian. Il portavoce di Downing Street ha detto che ieri sera “il primo ministro ha parlato con il primo ministro del Jersey e il ministro degli Affari esteri, Ian Gorst, sulla prospettiva di un blocco di Saint Helier“. Durante i colloqui è stata sottolineata “l’urgente necessità di un allentamento delle tensioni e del dialogo tra Jersey e Francia sull’accesso alla pesca“.
Il portavoce britannico ha precisato che Johnson ha ribadito “il suo incrollabile sostegno a Jersey“, descrivendo come “ingiustificata” qualsiasi minaccia di bloccare il principale punto di ingresso per forniture vitali. “Come misura precauzionale, il Regno Unito invierà due pattugliatori d’altura per monitorare la situazione … E’ stato convenuto che i governi del Regno Unito e del Jersey avrebbero continuato a lavorare a stretto contatto su questo problema”, ha aggiunto.

Il Ministro francese per gli Affari marittimi, Annick Girardin, ha avvertito martedì che la fornitura di elettricità dell’isola poteva essere interrotta in rappresaglia alla mancanza di accesso alle sue acque per i pescherecci francesi. Il governo di Londra ha definito “inaccettabili e sproporzionate” le minacce sull’approvvigionamento energetico di Jersey, il 95% dei quali proviene da cavi sottomarini dalla Francia.
Girardin ha affermato di essere “disgustata” dalla mancanza di accesso alle barche francesi che hanno operato per decenni nelle acque di Jersey. Il Ministro ha affermato che Parigi è pronta a reagire, ricordando che l’isola della Manica fa affidamento sulla Francia per la “trasmissione di elettricità tramite cavi sottomarini“.