Valanga sul Gran Zebrù travolge quattro scialpinisti: 2 morti e un ferito

Due scialpinisti sono morti oggi a seguito di una valanga che si è staccata sul Gran Zebrù, nel gruppo Ortles-Cevedale

Alle 12:30 di oggi una valanga che si è staccata sul Gran Zebrù, nel gruppo Ortles-Cevedale, ha ucciso due scialpinisti, mentre una terza persona è rimasta ferita lievemente. Sul luogo sono intervenuti i soccorritori portati in quota con gli elicotteri. La massa nevosa ha coinvolto complessivamente quattro persone. In base alle prime informazioni il ferito sarebbe stato trasportato all’ospedale di Bergamo. Sono intervenuti anche il soccorso alpino di Bormio e Sondrio.

La cordata, composta da quattro alpinisti, stava scaldando il Gran Zebrù (3.857 m) sul versante altoatesino lungo la via normale. A 3.500 metri di quota, in una zona mista di roccia e neve, mentre i quattro stavano proseguendo con i ramponi, due di loro sono stati investiti e trascinati dalla valanga. Sul posto sono giunti sia il soccorso alpino di Bormio e Sondrio che quello di Solda, guidato da Olaf Reinstadler, ma i due scialpinisti travolto erano già morti quando sono stati recuperati.