Almeno un giorno all’anno, oltre il 50% di fiumi e torrenti del mondo non scorre: fenomeno destinato ad aumentare per via dei cambiamenti climatici

Tra il 51% ed il 60% di fiumi e torrenti cessa di scorrere per almeno un giorno all'anno, indicando che i fiumi non perenni sono la tipologia più diffusa

MeteoWeb

L’intermittenza del flusso nei corsi d’acqua del mondo e’ piu’ comune di quanto si pensasse in precedenza, il che potrebbe richiedere cambiamenti nelle strategie di gestione dei fiumi. Sono i risultati di un articolo, pubblicato su Nature, il cui primo autore e’ Mathis Loic Messager del Dipartimento di Geografia dell’Universita’ McGill di Montreal e dell’Istituto Nazionale di Ricerca Francese per l’Agricoltura (INRAE Lyon-Villeurbanne). Secondo l’articolo, piu’ della meta’ dei fiumi del mondo cessano di scorrere per almeno un giorno all’anno e questo fenomeno continuera’ ad aumentare nei prossimi decenni a causa del cambiamento climatico e dell’attivita’ umana.

Messager e colleghi hanno sviluppato un modello per prevedere l’estensione dei fiumi non perenni a livello globale, che e’ stato applicato al database RiverATLAS, che rappresenta 23,3 milioni di chilometri della rete fluviale globale. Il team ha stimato che tra il 51% ed il 60% di fiumi e torrenti cessano di scorrere per almeno un giorno all’anno, indicando che i fiumi non perenni sono la tipologia piu’ diffusa, e che per il 52% della popolazione mondiale il fiume o il torrente piu’ vicino non e’ perenne.

brema fiume weserIl 95% dei fiumi che si trovano in aree estremamente calde e secche, come l’Australia settentrionale, parti dell’India e la regione africana del Sahel, sono inclini alla cessazione del flusso. Nei climi piu’ freddi, il flusso interrotto di un fiume e’ spesso dovuto al ghiaccio o all’accumulo di precipitazioni sotto forma di neve. Le variabili climatiche sono importanti indicatori di quali fiumi possono diventare o essere attualmente intermittenti. Gli autori concludono che l’intermittenza del flusso dovrebbe essere inclusa nei modelli fluviali per garantire strategie efficaci di gestione dei corsi d’acqua che proteggano la biodiversita’ e gli ecosistemi dei fiumi non perenni.