Caldo: cos’è l’umidità e perché rende l’aria così soffocante?

Perché l'umidità è così fastidiosa? Perché avvertiamo più caldo e anche respirare diventa difficile?

MeteoWeb

Nelle giornate calde e umide, la pelle è appiccicosa e l’aria sembra così pesante che respirare sembra un’impresa: ma cos’è l’umidità e perché rende l’aria così soffocante?

La risposta è che l’umidità elevata può farci effettivamente sentire più caldo di quanto non accada nei giorni in cui l’aria è più secca: ciò perché l’umidità – la quantità di vapore acqueo nell’aria – può rendere difficile la dispersione del calore corporeo in eccesso attraverso il sudore, secondo il National Weather Service della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA).

Di norma, mentre il sudore si deposita sulla superficie della nostra pelle, il calore del nostro corpo fa evaporare quel sudore nell’aria, raffreddando così la nostra pelle. L’umidità impedisce al sudore di evaporare altrettanto facilmente, perché l’aria circostante ha già un alto contenuto di umidità e non può assorbirne molto di più. Meno l’umidità evapora dalla nostra pelle, più avvertiamo il disagio del caldo, spiega Live Science.

Le alte temperature favoriscono la capacità dell’umidità di bloccare la regolazione della temperatura, perché l’aria calda può trattenere più umidità di quella fredda. Secondo il NOAA National Centers for Environmental Information, un aumento della temperatura di 1°C (0,55°C) equivale a un aumento del 4% del vapore acqueo atmosferico. Questo spiega perché l’umidità è più fastidiosa in estate che in inverno, anche se i livelli di umidità sono identici.

Non solo l’aria calda e umida è soffocante e appiccicosa sulla pelle, ma rende anche difficile respirare: la “pesantezza” non è dovuta al suo alto contenuto di vapore acqueo, secondo Capital Weather Gang del Washington Post. Le molecole di vapore acqueo che sostituiscono parte dell’azoto e dell’ossigeno dell’aria secca sono in realtà meno dense, il che significa che l’aria umida è in realtà più leggera dell’aria secca. Tuttavia, poiché il vapore acqueo espelle piccole quantità di questi gas, c’è meno ossigeno da respirare nell’aria umida. Inoltre, i nostri corpi sono già sottoposti a stress per il caldo, quindi sembra necessario un maggiore impegno per respirare.

Anche se non esiste una soglia di umidità al di sopra della quale il livello di benessere generale inizia a deteriorarsi, il NOAA in genere considera sgradevolmente alti i livelli di umidità relativa (RH) del 50% o più e i punti di rugiada (una misura più diretta dell’umidità) sopra i 65°F (18°C).

La buona notizia è che i nostri corpi possono adattarsi in qualche modo alle alte temperature e all’elevata umidità, anche se probabilmente non abbastanza rapidamente se, ad esempio, ci si trova in vacanza per una settimana ai tropici. “Ci vogliono in media da 9 a 14 giorni per acclimatarsi completamente, a seconda della forma fisica, della corporatura e dell’acclimatazione precedente“, ha dichiarato a Live Science Larry Kenney, professore di fisiologia e kinesiologia alla Penn State.

Una delle prime fasi dell’acclimatazione al calore è la dilatazione dei vasi sanguigni, che consente a più sangue di fluire vicino alla superficie della pelle, dove il calore in eccesso può facilmente trovare sfogo nell’aria esterna al corpo. Nel frattempo, questi vasi dilatati si traducono in una frequenza cardiaca più bassa e forniscono più liquidi per la sudorazione, ha spiegato Kenney. Dal 3° al 5° giorno, i tassi di sudore iniziano ad aumentare, ha precisato l’esperto, ma questo adattamento è solo temporaneo: analogamente alla misura in cui si perde forma fisica e forza se si salta un mese in palestra, l’adattamento termico può diminuire se non viene allenato.