L’elevato consumo di caffeina può fa aumentare il rischio di malattie degli occhi come il glaucoma

Il glaucoma e la cecità: l'elevato consumo di caffeina può causare l'insorgenza di serie patologie degli occhi

Secondo uno studio internazionale multicentrico, il consumo di grandi quantità di caffeina al giorno può aumentare di oltre tre volte il rischio di glaucoma per le persone con una predisposizione genetica a una pressione oculare più elevata. La ricerca condotta dalla Icahn School of Medicine del Monte Sinai è la prima a dimostrare un’interazione dietetica – genetica nel glaucoma. I risultati dello studio pubblicati nel numero di giugno di Ophthalmology possono suggerire che i pazienti con una forte storia familiare di glaucoma dovrebbero ridurre l’assunzione di caffeina.

Lo studio è importante perché il glaucoma è la principale causa di cecità negli Stati Uniti. Esamina l’impatto dell’assunzione di caffeina sul glaucoma e sulla pressione intraoculare (IOP) che è la pressione all’interno dell’occhio. La IOP elevata è un fattore di rischio integrale per il glaucoma, sebbene altri fattori contribuiscano a questa condizione. Con il glaucoma, i pazienti in genere avvertono pochi o nessun sintomo fino a quando la malattia non progredisce e hanno perdita della vista.

Abbiamo precedentemente pubblicato un lavoro che suggeriva che un’elevata assunzione di caffeina aumentasse il rischio di glaucoma ad angolo aperto ad alta tensione tra le persone con una storia familiare di malattia. In questo studio mostriamo che una relazione avversa tra un’elevata assunzione di caffeina e il glaucoma era evidente solo tra coloro con il punteggio di rischio genetico più alto per la pressione oculare elevata”, afferma il principale/autore corrispondente Louis R. Pasquale, vicepresidente per la ricerca oftalmologica per il Mount Sinai Health System.

Un team di ricercatori ha utilizzato la UK Biobank, un database biomedico su larga scala basato sulla popolazione supportato da varie agenzie sanitarie e governative. Hanno analizzato i record di oltre 120.000 partecipanti tra il 2006 e il 2010. I partecipanti avevano tra i 39 ei 73 anni e hanno fornito le loro cartelle cliniche insieme a campioni di DNA, raccolti per generare dati. Hanno risposto a ripetuti questionari dietetici concentrandosi su quante bevande contenenti caffeina bevono ogni giorno, quanto cibo contenente caffeina mangiano, i tipi specifici e le dimensioni delle porzioni. Hanno anche risposto a domande sulla loro visione, comprese le specifiche su se hanno il glaucoma o una storia familiare di glaucoma. Tre anni dopo l’inizio dello studio, hanno controllato la IOP e le misurazioni oculari.

I ricercatori hanno prima esaminato la relazione tra assunzione di caffeina, IOP e glaucoma auto-riferito eseguendo analisi multivariabili. Quindi hanno valutato se la contabilizzazione dei dati genetici modificasse queste relazioni. Hanno assegnato a ciascun soggetto un punteggio di rischio genetico IOP e hanno eseguito analisi di interazione.

I ricercatori hanno scoperto che un’elevata assunzione di caffeina non era associata ad un aumento del rischio di IOP o glaucoma in generale; tuttavia, tra i partecipanti con la più forte predisposizione genetica alla IOP elevata – nel primo percentile 25 – un maggiore consumo di caffeina era associato a una maggiore IOP e una maggiore prevalenza di glaucoma. Più specificamente, coloro che consumavano la più alta quantità di caffeina al giorno, più di 480 milligrammi, ovvero circa quattro tazze di caffè, avevano una IOP superiore di 0,35 mmHg. Inoltre, quelli nella categoria del punteggio di rischio genetico più alto che consumavano più di 321 milligrammi di caffeina al giorno – circa tre tazze di caffè – avevano una prevalenza di glaucoma 3,9 volte superiore rispetto a coloro che bevono poca o poca caffeina e nel punteggio di rischio genetico più basso gruppo.

caffè e sigaretta“I pazienti con glaucoma spesso chiedono se possono aiutare a proteggere la vista attraverso i cambiamenti dello stile di vita, tuttavia questa è stata un’area relativamente poco studiata fino ad ora. Questo studio ha suggerito che quelli con il più alto rischio genetico per il glaucoma possono trarre beneficio dalla moderazione dell’assunzione di caffeina. Dovrebbe va notato che il legame tra caffeina e rischio di glaucoma è stato visto solo con una grande quantità di caffeina e in quelli con il più alto rischio genetico“, afferma il coautore Anthony Khawaja, Professore Associato dell’Ophthalmology University College London (UCL) Istituto di oftalmologia e chirurgo oftalmico presso il Moorfields Eye Hospital. “Lo studio UK Biobank ci sta aiutando a imparare più che mai su come i nostri geni influenzano il nostro rischio di glaucoma e il ruolo che i nostri comportamenti e l’ambiente potrebbero svolgere”.