Coronavirus, a che punto siamo davvero con i vaccini? E’ corsa contro il tempo per ottobre

Coronavirus, i dati sulle vaccinazioni della popolazione e in modo particolare degli over 60: immunità di gregge ancora molto lontana

A che punto siamo con i vaccini in Italia? I dati sono ancora impietosi: nonostante l’accelerazione che la campagna vaccinale ha avuto grazie all’impegno logistico guidato dal generale Figliuolo, le persone vaccinate (con entrambe le dosi) sono ancora soltanto poco più di 12 milioni, pari al 23% della popolazione con più di 12 anni. Altri 11 milioni e mezzo di italiani hanno ricevuto la prima dose, e dovranno fare la seconda nei prossimi giorni/settimane/mesi.

Ma il dato più importante in termini di mortalità e ricoveri è quello legato alla percentuale di vaccinati over 60, cioè nel target di persone che maggiormente rischiano il decesso o l’ospedalizzazione in caso di contagio. Eppure gli over 60 vaccinati in Italia sono ancora meno del 45%. Le Regioni che hanno vaccinato più anziani sono Lombardia, Emilia Romagna e Valle d’Aosta, le uniche a superare il 49%. Agli ultimi posti, sotto il 40%, troviamo Campania, Friuli Venezia Giulia, provincia autonoma di Trento e infine la Sardegna, dove soltanto il 34% degli over 60 ha avuto almeno una dose del vaccino.

Questi dati sono emblematici di quanto sia ancora lungo il percorso per raggiungere l’immunità di gregge non solo per la totalità della popolazione italiana, ma anche per la popolazione anziana che è quella che maggiormente necessita di protezione. E’ corsa contro il tempo per ottobre, quando il virus tornerà a circolare come lo scorso anno dopo la pausa estiva: accelerare ulteriormente con le vaccinazioni nel trimestre estivo è fondamentale per sperare che la prossima ondata non vada a determinare un aumento della curva di morti e ricoverati tali da far ripiombare l’Italia nell’incubo di chiusure e nuovi lockdown. Sempre augurandoci che l’immunità vaccinale non si esaurisca dopo pochi mesi, e che non siano necessari ulteriori richiami. Altrimenti, pur raggiungendo un elevato numero di vaccinati, bisognerà ricominciare da capo per l’ennesima volta vedendo vanificati non solo gli sforzi richiesti dalle attività di quest’ultimo periodo, ma anche compromessa in toto la strategia adottata dal governo per combattere il virus.

Molto più alta, per fortuna, la percentuale degli over 60 che hanno ricevuto almeno una dose e che quindi si avvicinano al completamento del ciclo vaccinale:

In base alla popolazione, la Regione che ha somministrato più dosi è il Molise, seguita da Liguria e Abruzzo. Ultima, invece, la Sicilia: