Coronavirus, anche il Belgio toglie l’obbligo di mascherine all’aperto

Coronavirus, da mercoledì a Bruxelles non sarà più obbligatorio indossare la mascherina all'aperto

Addio all’obbligo di indossare le mascherine all’aperto nella regione di Bruxelles-Capitale, ad eccezione delle affollate vie dello shopping. Ad annunciare la svolta, che entrerà in vigore mercoledi’ 9 giugno, è stato il ministro-presidente della Regione, Rudi Vervoort, dopo una riunione con i sindaci dei diciannove comuni del territorio che hanno trovato l’accordo all’unanimità. La mascherina continuerà a essere obbligatoria all’aperto in tutte le aree affollate, indicate da ciascun sindaco per il territorio di competenza, ove non sia possibile mantenere una distanza di sicurezza. Sarà inoltre revocato il divieto di consumare alcolici negli spazi pubblici dalle 22 alle 5. “La vaccinazione sta avanzando e i numeri stanno diminuendo. Dal 9 giugno non sarà quindi più obbligatorio indossare la mascherina all’aperto, ad eccezione delle trafficate vie dello shopping“, ha scritto su Twitter il sindaco del comune di Bruxelles, Philippe Close, invitando comunque tutti a “rimanere attenti e responsabili“. Secondo gli ultimi dati federali, in Belgio sono oltre 5 milioni le persone che finora hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti-Covid, pari al 44,4% della popolazione. L’intero ciclo vaccinale è stato invece completato da 2,5 milioni di persone, pari al 22% della popolazione. I numeri sono inferiori rispetto ai vaccinati dell’Italia, dove però la mascherina resta ancora obbligatoria anche all’aperto.