Coronavirus, “i vaccinati possono donare il sangue”: il Cns contro le fake news che circolano in rete

"Non c'è nessuna differenza tra il sangue dei vaccinati e quello dei non vaccinati": il Centro Nazionale Sangue contro le fake news sulle donazioni delle persone vaccinate

MeteoWeb

In queste ore, in rete e sui social circolano video e notizie riguardo la donazione di sangue da parte delle persone vaccinate contro il coronavirus SARS-CoV-2. In particolare, un video molto diffuso ha come protagonista il comico Enrico Montesano, che afferma che le sacche di sangue raccolte da donatori vaccinato vengono eliminate. A questo proposito, arrivano le precisazioni del Centro Nazionale Sangue: Le persone vaccinate possono tranquillamente donare il sangue, e le sacche prelevate da chi e’ immunizzato sono utilizzate in questi mesi per le trasfusioni senza alcuna differenza con le altre”.

E’ molto grave diffondere false informazioni sulla donazione di sangue, specie alla vigilia di un periodo come quello estivo, in cui storicamente si registrano carenze“, sottolinea il direttore del Cns Vincenzo De Angelis . “Non c’e’ nessuna differenza tra il sangue dei vaccinati e quello dei non vaccinati, entrambi – rileva – salvano vite ogni giorno, e anzi ci auguriamo che siano sempre di piu’ i donatori immunizzati, sarebbe un segno ulteriore dei progressi nella lotta al virus”.

Le regole per i donatori vaccinati, ricorda il Cns, sono decise in accordo con le normative europee e con le indicazioni del Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc). “I soggetti asintomatici vaccinati con virus inattivati, vaccini che non contengono agenti vivi o vaccini ricombinanti (ossia tutti i vaccini in uso in questo momento in Italia) possono essere accettati alla donazione di sangue ed emocomponenti dopo almeno 48 ore da ciascun episodio vaccinale“.