Spazio: drammatica esplosione intercettata nel nostro “cortile cosmico”, un lampo di raggi gamma ha sorpreso gli scienziati

Un team di scienziati ha studiato un lampo di raggi gamma da record, probabilmente verificatosi a circa 1 miliardo di anni luce dalla Terra

Un team di scienziati ha osservato un lampo di raggi gamma, il tipo di esplosione più drammatico nell’universo.
Gli astronomi pensano che alcune di queste esplosioni si verifichino quando una stella massiccia (5 o 10 volte la massa del nostro Sole) esplode, trasformandosi improvvisamente in un buco nero, ma possono anche verificarsi quando due stelle di neutroni si scontrano, spesso formando un buco nero.
In particolare, un lampo di raggi gamma che gli scienziati hanno osservato durante alcune notti nel 2019 probabilmente si è verificato a circa 1 miliardo di anni luce dalla Terra, relativamente vicino per questi eventi drammatici: “Eravamo davvero seduti in prima fila quando si è verificato questo lampo di raggi gamma“, ha affermato Andrew Taylor, fisico del Deutsches Elektronen-Synchrotron (German Electron Synchrotron, o DESY) e coautore del nuovo studio. “Abbiamo potuto osservare il bagliore residuo per diversi giorni, con energie dei raggi gamma senza precedenti“.

Due osservatori spaziali della NASA, Fermi e Swift, hanno rilevato per primi l’evento, noto come GRB 190829A perché è stato rilevato il 29 agosto 2019: i “fuochi d’artificio” provenivano dalla direzione della costellazione dell’Eridano, una vasta fascia di cielo nell’emisfero australe.

fotoni grb
Rappresentazione artistica di fotoni ad altissima energia provenienti da un lampo di raggi gamma che entrano nell’atmosfera terrestre e vengono rilevati dall’High Energy Stereoscopic System in Namibia. (Credit: DESY, Science Communication Lab)

Quando gli scienziati che hanno condotto la nuova ricerca hanno sentito parlare del rilevamento dei lampi di raggi gamma, hanno mobilitato una serie di 5 telescopi per raggi gamma in Namibia, l’High Energy Stereoscopic System (HESS). Per 3 notti i telescopi hanno osservato l’esplosione per un totale di 13 ore, nel tentativo di capire cosa fosse successo.

Grazie a quelle osservazioni, gli scienziati hanno potuto analizzare fotoni di energia molto più elevata di quanto sia possibile in lampi di raggi gamma più distanti. “Questo è ciò che rende così eccezionale questo lampo di raggi gamma“, ha dichiarato Edna Ruiz-Velasco, astrofisica del Max Planck Institute for Nuclear Physics di Heidelberg e coautrice della nuova ricerca. “È successo nel nostro cortile cosmico, dove i fotoni ad altissima energia non sono stati assorbiti nelle collisioni con la luce di fondo mentre si dirigevano verso la Terra, come accade per distanze maggiori nel cosmo“.

Durante queste analisi, il team ha notato che i modelli di raggi X e raggi gamma ad altissima energia corrispondevano, qualcosa che gli scienziati non si aspettano, poiché ritengono che vi siano fenomeni diversi alla base dei 2 diversi tipi di radiazioni. Finora, però, gli studiosi hanno osservato solo 4 di queste esplosioni luminose dalla superficie della Terra, quindi sperano che nuovi strumenti e osservazioni aggiuntive forniscano loro maggiori informazioni sui segreti dei lampi di raggi gamma.

La ricerca è descritta in un articolo pubblicato il 3 giugno su Science.