Emicrania e salute mentale: trovato un nesso tra uno dei disturbi più invalidanti e il benessere psichico

Godere di ottima salute mentale nonostante si soffra di quello che spesso può essere un disturbo invalidante, ovvero emicrania, è possibile ma sono necessarie diverse condizioni

MeteoWeb

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Toronto ha scoperto che il 63% dei canadesi con emicrania può stare bene mentalmente, nonostante la dolorosa patologia, ma sono necessarie diverse altre condisioni concomitanti.

Questa ricerca fornisce un messaggio di grande speranza per le persone alle prese con l’emicrania, le loro famiglie e gli operatori sanitari“, afferma l’autore principale Esme Fuller-Thomson, che ha trascorso l’ultimo decennio a pubblicare studi sui risvolti negativi della salute mentale associati all’emicrania, inclusi tentativi di suicidio, disturbi d’ansia e depressione. “I risultati del nostro studio hanno contribuito a un importante cambiamento di paradigma per me. Ci sono lezioni importanti da trarre da coloro che godono di buona salute e sono invia di miglioramento“.

L’emicrania è il settimo disturbo più invalidante al mondo. Tuttavia, pochi studi hanno preso in esame i fattori associati alla salute mentale e al benessere tra coloro che li sperimentano. Lo studio dell’Università di Toronto ha analizzato la salute mentale ottimale in un campione ampio e rappresentativo di oltre 2.000 persone con emicrania. Per essere definiti in ottima salute mentale, gli intervistati dovevano raggiungere tre cose:

  1. felicità quasi quotidiana o soddisfazione di vita nell’ultimo mese
  2. alti livelli di benessere sociale e psicologico nell’ultimo mese
  3. libertà dal generalizzato disturbo d’ansia e disturbi depressivi, pensieri suicidi e dipendenza da sostanze per almeno l’intero anno precedente.

“Siamo stati così incoraggiati a scoprire che più di tre emicranici su cinque godevano di un’eccellente salute mentale e avevano livelli di benessere molto elevati“, afferma Fuller-Thomson, docente presso la Facoltà di assistenza sociale di Factor-Inwentash e il Department of Family & Community Medicine presso U of T e che il direttore dell’U of T’s Institute for Life Course and Aging.

Coloro che soffrivano di emicrania e che avevano almeno una persona nella loro vita con cui potevano confidarsi, avevano quattro volte più probabilità di avere un’eccellente salute mentale rispetto a quelli senza un confidente. Inoltre, coloro che hanno fatto ricorso alle proprie convinzioni religiose o spirituali per far fronte alle difficoltà quotidiane hanno avuto l’86% in più di probabilità di un’eccellente salute mentale rispetto a coloro che non hanno fatto riferimento ad una sfera spirituale. I ricercatori hanno anche scoperto che una cattiva salute fisica, limitazioni funzionali e una storia di depressione erano impedimenti a un’eccellente salute mentale tra coloro che soffrivano di emicrania.

“I professionisti della salute che stanno curando le persone con emicrania devono considerare le esigenze di salute fisica dei loro pazienti e il possibile isolamento sociale nei loro piani di trattamento“, afferma la coautrice Marta Sadkowski, una neolaureata in infermieristica presso l’Università di Toronto. I ricercatori hanno esaminato un campione rappresentativo a livello nazionale di 2.186 adulti residenti in comunità che hanno riferito di aver avuto una diagnosi di emicrania. I dati sono stati tratti dal Canadian Community Health Survey-Mental Health di Statistics Canada.