Ictus, cancro e singhiozzo: ci sono legami? Ideato uno strumento per attenuarne gli effetti

"Il singhiozzo è occasionalmente fastidioso per alcune persone, ma per altre ha un impatto significativo sulla qualità della vita"

MeteoWeb

I ricercatori dell’Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio), in collaborazione con altri colleghi di tutto il mondo, hanno descritto un nuovo intervento scientifico che analizza il singhiozzo. Lo studio è stato presentato in una lettera aperta di ricerca pubblicata il 18 giugno sulla rivista Rete JAMA.

Nella pubblicazione, gli scienziati hanno coniato un nuovo termine per l’intervento: lo “strumento di aspirazione e deglutizione forzata inspiratoria” o FISST. Il team ha anche riportato i risultati di un sondaggio su 249 utenti a cui è stato chiesto se lo strumento risultasse superiore ai rimedi casalinghi per il singhiozzo, come ad esempio respirare in un sacchetto di carta.

Il singhiozzo è occasionalmente fastidioso per alcune persone, ma per altre ha un impatto significativo sulla qualità della vita“, ha affermato Ali Seifi, professore associato di neurochirurgia presso Joe R. e Teresa Lozano Long School of Medicine di UT Health San Antonio. “Questo include molti pazienti con lesioni cerebrali e ictus e malati di cancro. Abbiamo avuto un paio di malati di cancro in questo studio. Alcune chemioterapie causano il singhiozzo”.

Uno strumento semplice

FISST è un tubo per bere, rigido con una valvola di ingresso che richiede un’aspirazione energica per aspirare in bocca l’acqua da una tazza. La suzione e la deglutizione stimolano contemporaneamente due nervi, il nervo frenico e il nervo vago, per alleviare il singhiozzo. L’aspirazione forzata induce il diaframma, un fascio di muscoli che gonfia i polmoni durante la respirazione, a contrarsi. L’aspirazione e la deglutizione spingono anche l’epiglottide, un lembo che copre la trachea durante la deglutizione, a chiudersi. Questo pone fine agli spasmi del singhiozzo.

Nel corso della sperimentazione FISST ha fermato il singhiozzo in quasi il 92% dei casi, hanno riferito gli utenti. In termini di soddisfazione, 226 dei 249 partecipanti (90,8%) hanno risposto affermativamente alle domande sulla facilità di utilizzo dello strumento. Su una misura diversa, l’efficacia soggettiva, 183 dei 203 partecipanti (90,1%) hanno indicato che FISST era efficace quando lo usavano. Un minor numero di partecipanti ha risposto a questa domanda, forse perché era l’ultima nel sondaggio, ha spiegato Seifi.

Lo strumento, sviluppato presso UT Health San Antonio dal dottor Seifi con il contributo di studenti di medicina, è stato commercializzato da una società del Colorado in base a un accordo di licenza con l’università ed è stato accettato da un’importante catena di supermercati per essere messo in vendita sui propri scaffali.

Informazioni sullo studio

Il progetto di ricerca è iniziato con 600 individui che, avendo dichiarato di avere il singhiozzo, hanno ricevuto FISST. Di questa popolazione, 290 persone hanno risposto a un sondaggio sulla loro esperienza con l’utilizzo del dispositivo, rispetto ad altri rimedi che hanno usato. Di questi, 249 hanno risposto pienamente al sondaggio e sono stati inclusi nell’analisi della ricerca. La scala era da 1 a 5, con 5 che significa che gli intervistati erano molto soddisfatti di FISST e 1 che significava che preferivano usare i rimedi casalinghi.

Gli intervistati erano principalmente adulti con un’età superiore 18 anni (70%) ed erano metà femmine e metà maschi. Quasi l’80% degli intervistati era bianco. Per quanto riguarda la frequenza del singhiozzo, il 69% ha riferito di averlo almeno una volta al mese e la maggior parte dei casi (65%) era transitoria, di durata inferiore alle due ore. Le direzioni future includono la conduzione di una sperimentazione clinica in doppio cieco in Europa e in America che dia FISST a un gruppo di iscritti alla sperimentazione e un dispositivo fittizio non funzionante a un altro gruppo. La sfida è sviluppare qualcosa che assomigli a FISST ma non funzioni, ha affermato il dott. Seifi.