Ingenuity ha compiuto l’8° volo su Marte: nuovo successo per il drone-elicottero che riprende la sua ombra sul Pianeta Rosso

Il drone-elicottero Ingenuity della NASA ha completato con successo il suo 8° volo su Marte: è rimasto in volo 77 secondi, percorrendo 160 metri

MeteoWeb

Il drone-elicottero Ingenuity della NASA ha compiuto il suo 8° volo su Marte, viaggiando più lontano di quanto gli scienziati speravano fosse possibile. Il piccolo elicottero ha compiuto l’8° volo lunedì 21 giugno. Durante il volo, Ingenuity è rimasto in volo per 77,4 secondi, volando per 160 metri e atterrando a circa 133,5m di distanza dal suo compagno, il rover Persevarance. Nel dare l’annuncio su Twitter, il Jet Propulsion Laboratory della NASA ha pubblicato l’immagine in bianco e nero che vedete in alto e che mostra l’ombra di Ingenuity ripresa dallo stesso elicottero durante il volo.

Il volo di lunedì 21 giugno è avvenuto circa due settimane dopo il precedente volo di Ingenuity, realizzato l’8 giugno. Questo nuovo successo rappresenta un secondo volo impeccabile dopo le difficoltà incontrate durante il 6° volo che ha messo alla prova la resistenza dell’elicottero.

Credit: NASA/JPL-CALTECH/ASU

Sebbene Ingenuity fosse stato progettato per volare solo 5 volte, i suoi costanti successi hanno incoraggiato la NASA ad estendere la missione e sperimentare voli più ambiziosi. Mentre i primi voli sono iniziati e terminati nello stesso posto, rinominato Wright Borthers Field in onore ai pionieri del volo sulla Terra, Ingenuity si sta spostando ora da un nuovo “aeroporto marziano” ad un altro.

Anche se la NASA deve ancora annunciare se ci sarà un 9° volo di Ingenuity, è probabile che il drone-elicottero continuerà ad esplorare Marte per mesi, con un paio di voli al mese. Questi tentativi vedrebbero l’elicottero tenere il passo dei viaggi di Perseverance, per comprendere meglio come rover e velivoli possono portare avanti il lavoro scientifico in tandem.

Ingenuity è un progetto dimostrativo che ha avuto un “passaggio” fino a Marte nella pancia del rover Perseverance, che ha toccato terra sul Pianeta Rosso il 18 febbraio scorso. Prima di iniziare il suo lavoro scientifico, Perseverance ha cominciato il suo soggiorno su Marte testando l’elicottero e un altro progetto tecnologico in grado di trasformare l’anidride carbonica dalla sottile atmosfera del pianeta in ossigeno. Ora Perseverance si sta concentrando sulla propria missione scientifica: valutare l’abitabilità passata del suo sito d’atterraggio, il cratere Jezero, e raccogliere interessanti campioni di rocce per una missione futura che li trasporterà sulla Terra.