Altro che mascherine all’aperto e caffè d’asporto: la vita dei vaccinati negli USA? Come quella pre-pandemia

Il virologo Guido Silvestri: "Chi è vaccinato, qui negli USA, ormai può fare quello che vuole", "può vivere praticamente come prima della pandemia"

Centotrentacinquemila. Non è un numero del COVID, ma sono gli spettatori che hanno assistito nei giorni scorsi alla 500 miglia di Indianapolis. Chi è vaccinato, qui negli USA, ormai può fare quello che vuole, con la benedizione di Biden, Fauci e CDC (la “prudenza anti-trumpiana” grazie a Dio è solo un ricordo). In altre parole, può vivere praticamente come prima della pandemia (e ieri abbiamo passato i 170 milioni di vaccinati). Altro che mascherine all’aperto e caffè d’asporto“: il virologo Guido Silvestri, docente alla Emory University di Atlanta, descrive così in un post su Facebook la vita da immunizzati contro COVID-19 negli USA.
Mentre si riapre tutto – prosegue Silvestri – bisogna sperare che il vento della normalità e della ritrovata ragione entri anche in tanti cervelli oscurati dalla pandemia (e dalle follie ad essa correlate, dal negazionismo del virus al culto delle chiusure, dall’antivaccinismo al terrorismo da varianti)“. “Ne abbiamo estremo bisogno, perché c’è tantissimo da fare a livello globale, soprattutto sul fronte vaccini, e molto da ricostruire nel tessuto morale e psicologico della nostra società,” conclude il virologo.