Al via anche quest’anno il crudele massacro di cani in Cina, “nel Terzo Millennio il Festival di Yulin non può esistere”

"E’ incredibile che, nonostante l’indignazione del mondo intero, le autorità cinesi ancora permettano al festival di Yulin di andare avanti"

MeteoWeb

Nel Terzo Millennio il festival di Yulin non può esistere”: è quanto ha affermato, in un’intervista a Mediaset, l’on. Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente e portavoce per l’Italia della World Dog Alliance, chiedendo all’Unione europea e al governo italiano di fare pressione su quello cinese perché metta fine alla strage di cani, macellati e consumati a migliaia nella città cinese del Guangxi nei 10 giorni che seguono il Solstizio d’Estate.

Il festival di Yulin – afferma la deputata di Fi – rappresenta la massima espressione della crudeltà cui sono sottoposti gli animali allevati a scopo alimentare. Vedere migliaia di cani così brutalmente massacrati non deve lasciare indifferente nessuno. E il fatto che tutto ciò avviene in un Paese lontano dal nostro non è certo un alibi per volgere lo sguardo altrove né per dimenticarci che in altri casi, con altri animali, anche in Italia possiamo, a volte, vedere orrori simili. E’ incredibile che, nonostante l’indignazione del mondo intero, le autorità cinesi ancora permettano al festival di Yulin di andare avanti. Come presidente della Lega italiana per la difesa degli Animali e dell’Ambiente, non posso che rinnovare il nostro appello all’Unione europea e al governo italiano perché faccia pressione sul governo cinese. Nel Terzo Millennio il festival di Yulin non può esistere”.

Secondo World Dog Alliance, organizzazione internazionale con base a Hong Kong che si batte in tutto il mondo contro il consumo e il commercio della carne di cane, 30 milioni di cani sono uccisi e mangiati ogni anno in Asia, il 70% sono animali domestici sottratti alle famiglie; 80% dei vietnamiti e il 60% dei coreani mangia carne di cane; il 20% della popolazione cinese mangia carne di cane. Torturare un cane prima della “lavorazione” è un metodo consigliato per preservare le presunte proprietà “energetiche” della carne.