Meteo, primavera “d’altri tempi” in Friuli Venezia Giulia: è stata la più fredda degli ultimi 30 anni

Il Meteo in Friuli Venezia Giulia: quella appena conclusa è stata una primavera meteorologica "d'altri tempi", lo confermano i dati dell’Osmer Arpa Fvg

Con l’inizio dell’estate meteorologica il 1° Giugno, è stata archiviata una primavera meteorologica con estremi climatici molto rilevanti: in Friuli Venezia Giulia, ad esempio, si sono registrate ondate di caldo anomalo a fine febbraio e poi a marzo, in un contesto di numerosi sbalzi di temperature, abbassatesi poi bruscamente a maggio, quando è persino ricomparsa la neve.
Che sia stata una primavera meteorologica “d’altri tempi” lo confermano anche i dati dell’Osmer Arpa Fvg, che ha tracciato un bilancio nel periodo dal 1° marzo al 31 maggio.
Nel 2021 sulla pianura del Friuli Venezia Giulia “la temperatura media della primavera meteorologica (1 marzo- 31 maggio) si è attestata intorno agli 11.3°C. Era dal 1987 che non si registrava un valore termico più basso“, spiegano gli esperti dell’Osservatorio meteorologico regionale. “È interessante notare come nel trentennio 1961-1990 la temperatura media primaverile fosse di 12.1°C. In tale contesto un valore come quello misurato quest’anno – o anche più basso – si registrava abbastanza frequentemente. Nel nuovo periodo di riferimento climatico (1991-2020) il valore termico medio della primavera sulla pianura friulana è invece di 13.0°C: quindi quest’anno si sono registrati 1.7°C in meno rispetto alla norma dell’ultimo trentennio. Davvero una primavera d’altri tempi“.