Misurati per la prima volta i rifiuti marini nelle profondità del Mediterraneo

Analizzati per la prima volta i rifiuti marini e le microplastiche fino a 2200 metri di profondità nel Mediterraneo: sono le misurazioni più precise finora a tali profondità

MeteoWeb

Il mare profondo e’ un’area di notevole accumulo dei nostri rifiuti, con un forte impatto sulla fauna selvatica. Tramite misurazioni avvenute nel settembre 2018 utilizzando il sommergibile Victor 6000, a bordo della nave “Atalante” della Flotta Oceanografica dell’Ifremer, un team di scienziati francesi, monegaschi e italiani e’ stato in grado di analizzare per la prima volta i rifiuti marini e le microplastiche fino a 2200 metri di profondita’ nel Mediterraneo.

Gli scienziati si sono concentrati su un’area a cavallo tra Francia, Monaco e Italia nel Mar Ligure, che comprende sette canyon sottomarini e montagne piu’ al largo della pianura abissale. I risultati mostrano un forte accumulo di plastica di origine urbana, nei canyon davanti a citta’ come Saint-Tropez, Nizza, Cannes o Monaco. Nelle immagini si vedono oggetti molto diversi come tazze, secchielli da spiaggia, palloncini, bottiglie.

Questo rifiuto urbano – afferma Michela Angiolillo, ricercatrice Ispra e autrice principale della pubblicazione – e’ dominato dalla plastica. I canyon fungono da condotto, i rifiuti scendono verso il mare profondo sotto l’effetto delle correnti marine. Piu’ al largo, a livello delle montagne sottomarine, i rifiuti sono di natura diversa, piu’ legati alla pesca, con lenze o reti perse”.

Sappiamo – sottolinea Francois Galgani, ricercatore presso Ifremer specializzato in materie plastiche e tra i principali autori della recente pubblicazione – che ci sono aree di accumulo di rifiuti offshore, ma questa e’ la prima volta che facciamo misurazioni cosi’ precise a tali profondita’ nel Mediterraneo, con video vicino al fondo e campioni prelevati dai fondali”.

Gli scienziati raccomandano di aumentare gli sforzi di prevenzione, poiche’ questo inquinamento e’ impossibile da eliminare in ambienti cosi’ inaccessibili. I dati raccolti sono stati pubblicati in un nuovo studio sulla rivista Science of the Total Environment.