Morto Ei-ichi Negishi, premio Nobel per la chimica nel 2010

Insieme ad Akira Suzuki e Richard Heck, Ei-ichi Negishi è stato insignito del Nobel per aver creato uno degli strumenti più sofisticati della chimica

MeteoWeb

Insieme al connazionale Akira Suzuki e all’americano Richard Heck, è stato co-vincitore nel 2010 del Premio Nobel per la chimica per il loro lavoro sulla sintesi organica: il giapponese Ei-ichi Negishi è morto a Indianapolis, domenica 6 giugno, ma la notizia è stata annunciata venerdì 11 giugno dalla Purdue University, Indiana, dove ha insegnato. Negishi aveva 85 anni. La sua famiglia prevede di far rimpatriare il suo corpo in Giappone l’anno prossimo, secondo la Purdue University.

Insieme ad Akira Suzuki e Richard Heck, sono stati insigniti del Nobel per aver creato uno degli strumenti più sofisticati della chimica, aprendo la strada ai trattamenti contro il cancro e all’elettronica e alla plastica rivoluzionarie.

Le loro scoperte consentono a centinaia di scienziati di sintetizzare molte sostanze presenti in natura in tutto il mondo, dai mari italiani agli oceani delle Filippine o alla giungla indonesiana del Borneo, secondo il comitato del Nobel. Negishi aveva paragonato il loro lavoro a un gioco con “i lego (che) possono essere messi insieme per creare oggetti di qualsiasi forma, dimensione o colore”. “Il mondo ha perso un uomo alto e adorabile, qualcuno che ha fatto la differenza nella vita delle persone come scienziato e come essere umano”, ha osservato il presidente di Purdue Mitch Daniels. “Siamo rattristati dalla sua scomparsa, ma grati per le sue scoperte, che hanno cambiato il mondo”, aggiunge.

Arrivato negli Stati Uniti nel 1960

Foto Claudio Bresciani / Ansa

Nato nel 1935 in Cina, a Hsinking, capitale dello stato fantoccio del Manchoukuo durante l’occupazione giapponese della Manciuria, il professor Negishi era cresciuto in Giappone, dove aveva completato gli studi secondari, prima di entrare in un’azienda chimica e farmaceutica, la Teijin. Ma si rese presto conto che per fare chimica ad alto livello doveva andare negli Stati Uniti “che all’epoca era un paese dominante” in termini di ricerca scientifica.

Il signor Negishi è arrivato negli Stati Uniti nel 1960 per studiare all’Università di Filadelfia, dove ha conseguito il dottorato nel 1963. Nel 1979 è stato nominato professore alla Purdue University, dove in seguito è diventato professore emerito.

È stato fianco a fianco con diversi vincitori del prestigioso premio che ha acquisito la certezza che il Nobel “non è solo una finzione”. “E’ una realtà e, in teoria, chiunque può riceverla, anche io” , ha aggiunto.