Nuova immagine di Marte dalla sonda cinese Tianwen-1: il rover Zhurong e la sua piattaforma di atterraggio sul Pianeta Rosso

Una nuova immagine scattata dalla sonda Tianwen-1 mostra Zhurong, il primo rover marziano della Cina, e la sua piattaforma di atterraggio sulla superficie di Marte

Il 23 luglio 2020, la missione cinese Tianwen-1, composta da un modulo orbitante, uno d’atterraggio (lander) e un rover, è stata lanciata verso Marte. Ora la China National Space Administration (CNSA) ha pubblicato una nuova immagine scattata dalla sonda Tianwen-1 che mostra Zhurong, il primo rover marziano della Cina, e la sua piattaforma di atterraggio sulla superficie di Marte.

Nell’immagine in alto, scattata da una telecamera ad alta risoluzione installata sul modulo orbitante di Tianwen-1 alle 18:00 (ora di Pechino) del 2 giugno, sono visibili due punti luminosi nell’angolo superiore destro. Il piu’ grande e’ la piattaforma di atterraggio, mentre il piu’ piccolo e’ il rover Zhurong, secondo quanto ha spiegato la CNSA. L’agenzia spaziale cinese ha affermato che i punti luminosi al centro dell’immagine sono la copertura posteriore della capsula d’ingresso e il paracadute che e’ stato sganciato durante l’atterraggio, mentre un altro punto luminoso in basso a sinistra dell’immagine e’ lo scudo termico della capsula d’ingresso.

Credit: CNSA

Secondo la CNSA, l’area scura che circonda la piattaforma di atterraggio potrebbe essere stata causata dalle fiamme prodotte dal motore durante l’atterraggio, mentre le strisce luminose simmetriche in direzione nord-sud che si notano sulla piattaforma di atterraggio potrebbero essere state causate dalle polveri fini, quando il lander ha espulso il carburante rimanente dopo l’atterraggio.

Il rover Zhurong è sceso dalla propria piattaforma di atterraggio sulla superficie marziana il 22 maggio. Fino al 6 giugno, ha lavorato sulla superficie del Pianeta Rosso per 23 giorni marziani (un giorno marziano e’ di circa 40 minuti piu’ lungo rispetto a uno terrestre), allo scopo di raccogliere rilevamenti sull’ambiente, muoversi sulla superficie e svolgere attivita’ esplorative di carattere scientifico. Tutte le apparecchiature scientifiche a bordo del modulo d’esplorazione sono accese per raccogliere dati.

Credit: CNSA

Il rover Zhurong prende il nome dal dio del fuoco dell’antica mitologia cinese e richiama il nome cinese del pianeta rosso, Huoxing (il pianeta di fuoco). Il nome della missione invece, Tianwen, significa Domande al cielo ed e’ il titolo di una poesia dell’antico poeta cinese Qu Yuan (circa 340-278 a.C.). Nel corso della propria missione, di una durata prevista di almeno 90 giorni marziani, Zhurong registrera’ il paesaggio del pianeta con immagini tridimensionali ad alta risoluzione e analizzera’ la composizione della sua superficie. Rilevera’, inoltre, la struttura sub-superficiale e il campo magnetico, cerchera’ tracce di ghiaccio e osservera’ l’ambiente meteorologico circostante. Il modulo orbitante, che dovrebbe restare in funzione per un anno marziano (circa 687 giorni terrestri), trasmettera’ le comunicazioni ricevute dal rover mentre portera’ avanti le proprie operazioni di rilevamento scientifico.

Con l’ammartaggio del rover Zhurong, la Cina è diventata il secondo Paese dopo gli Stati Uniti a far atterrare e a operare un modulo d’esplorazione su Marte.