Meteo, ondata di caldo arroventa l’Est Europa: raffica di record battuti, anche nelle capitali. +42°C in Macedonia del Nord, +40°C in Ungheria

Meteo, la feroce ondata di caldo che ha colpito in pieno l'Italia si è estesa anche all'Est Europa, facendo crollare innumerevoli record, anche nelle grandi capitali. Tutti i dati

MeteoWeb

La feroce ondata di caldo africano che fino a ieri ha prodotto temperature infernali al Sud Italia, con punte di +45°C in Sicilia, si è estesa anche all’Est Europa, dove ha fatto crollare record su record. Le grandi capitali del settore orientale del continente hanno registrato temperature record negli ultimi giorni; ecco una sintesi delle temperature più importanti.

Oggi, 25 giugno, con +40,8°C a Kucova, l’Albania ha mancato di appena 0,2°C il suo record nazionale per la temperatura di giugno più alta. Raggiunti +41,8°C a Gevgelija, in Macedonia del Nord; +41,2°C ad Agia Triada, in Grecia.

Nella storia delle registrazioni dell’Ungheria non erano mai stati raggiunti i +40°C nel mese di giugno: Fülöpháza ha toccato questa temperatura ieri, giovedì 24 giugno. I precedenti record nazionali per il mese si fermavano a +39,9°C.

Il 23 giugno è stata la giornata di giugno più calda mai registrata per la capitale dell’Armenia, Yerevan, con +40,2°C (primi +40°C mai raggiunti a giugno). Ma il giorno successivo, il record è stato battuto con +41,1°C. La maggior parte delle stazioni del Paese ha stabilito nuovi record negli ultimi 3 giorni.

Il 24 giugno, Kiev, capitale dell’Ucraina, ha avuto la sua giornata di giugno più calda di sempre con +35,5°C, battendo di 0,5°C un record che resisteva da 136 anni. Minsk, capitale della Bielorussia, ha eguagliato il record per la sua giornata più calda di sempre con +35,8°C (il record precedente risaliva all’8 agosto 2015). Il 24 giugno, la città di Pinsk, in Bielorussia, ha registrato +36,1°C, che rappresenta la sua temperatura più alta mai registrata (0,3°C oltre i valori registrati nel 2001 e nel 2015).

Temperature eccezionali anche a Sarajevo, capitale della Bosnia Erzegovina. Ha battuto i suoi record per la temperatura massima più alta di giugno per 3 volte consecutive, passando dal +35,9°C del 2006 ai +36,1° del 22 giugno, ai +37,7°C del 23 giugno fino all’attuale record +38,3°C del 24 giugno. A Banja Luka, capitale della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina, è stato stabilito un nuovo record di giugno, con +38,8°C.

Anche Belgrado, capitale della Serbia, ha un nuovo record per giugno, con +38,7°C (il record precedente era di +38°C e risaliva al 18 giugno 1918).

A Muzla, in Slovacchia, sono stati registrati +38°C il 24 giugno, a soli 0,2°C dal record nazionale per giugno stabilito nel 2012. Nuovi record mensili sono stati stabiliti in molte località del Paese.

Inoltre, quella del 23 giugno, è stata una giornata storica per i Paesi baltici. La Lettonia ha avuto la sua notte più calda di sempre con +24,2°C di temperatura minima nella capitale Riga. L’Estonia ha avuto la sua giornata di giugno più calda mai registrata con +34,6°C a Narva e +35,2°C a Torva. Tanti i record mensili infranti nel Paese.

Infine, anche se fuori dall’Est Europa, il 24 giugno è stata la giornata di giugno più calda di sempre a Malta, con +40,2°C a registrati al Luqa International Airport e a Gudja (0,1°C oltre il record precedente stabilito a Luqa nel 1997). Ma il record è stato presto battuto: oggi, 25 giugno, registrati +41,3°C a Gudja