Etna e Stromboli attivi nello stesso momento: esplosione e frana dal cratere di Nord-Est alle Eolie

Anche lo Stromboli fa sentire la sua voce: in concomitanza con un'esplosione al cratere di Nord-Est, si è innescata una frana che ha provocato un rotolamento di materiale

MeteoWeb

‘Iddu’ e ‘a Muntagna’, come sono noti rispettivamente lo Stromboli e l’Etna, sono attivi in contemporanea. Se il secondo ha dato origine oggi ad un violento parossismo, con un’enorme nube eruttiva che si diffonde verso lo Ionio e ricaduta di cenere anche su Catania, anche il vulcano delle Eolie ha fatto sentire la sua voce.

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che “alle ore 13:28:50 in concomitanza con un’esplosione al cratere di Nord-Est, alla quota di circa 600 m s.l.m. si è innescata una frana che ha provocato un rotolamento di materiale che si è staccato dalla quota precedentemente citata. Il fenomeno è durato pochi minuti. Dalle ore 13:28 UTC è stato registrato un segnale sismico della durata di circa 2 minuti, associabile all’evento franoso osservato tramite le telecamere di sorveglianza”.

Per quanto riguarda l’ampiezza del tremore, dalle 22:05 UTC fino alle 22:37 UTC di ieri è stato osservato un aumento su valori medio-alti, per poi oscillare tra medio-bassi e medio-alti. Attualmente è su livelli medio-bassi. La frequenza e l’ampiezza dei transienti riconducibili ad eventi esplosivi mostra un moderato incremento. L’ampiezza si mantiene generalmente su valori bassi con qualche evento di ampiezza medio-bassa ed alcuni eventi con ampiezza medio-alta. Attualmente, l’ampiezza è su valori bassi. I segnali delle reti di deformazione (tilt e GNSS) di Stromboli non hanno mostrato variazioni significative”, conclude l’INGV.