Trovata dalla madre con un sacchetto di plastica in testa, bimba di 5 mesi lotta tra la vita e la morte

Una bimba sassarese è stata trovata riversa nel suo lettino, con un sacchetto di plastica in testa: ora è in fin di vita

MeteoWeb

Sta lottando tra la vita e la morte nell’ospedale Gaslini di Genova: una bimba sassarese di 5 mesi è stata trovata dalla madre riversa nel suo lettino, con un sacchetto di plastica in testa che le ha impedito di respirare, provocandole un principio di soffocamento.
L’incidente, riportato dal quotidiano La Nuova Sardegna, risale ad alcuni giorni fa.
La madre avrebbe tentato di rianimarla prima di chiamare i soccorsi.
Trasportata al pronto soccorso pediatrico dell’Aou di Sassari, la piccola è stata successivamente trasferita a Genova.
La Procura ha aperto un’inchiesta per accertare le cause dell’incidente.

La bambina “è in condizioni gravi ma stabili e resta ricoverata in rianimazione“: lo ha reso noto l’ospedale pediatrico Gaslini.

Le circostanze sono ancora da accertare, tra le ipotesi quella che a mettere nel lettino la plastica sia stato uno dei fratellini. Secondo la versione fornita dai genitori, la bambina dormiva nel suo lettino mentre la madre stava cambiando uno dei tre fratellini quando si è accorta che la bimba non stava respirando a causa di un sacchetto di plastica su cui la piccola aveva poggiato il viso.