Tumore al seno: 3.800 nuovi casi l’anno scoperti già in fase metastatica

La prof.ssa Bonifacino: "Grazie all’innovazione farmacologica si sono aperte nuove frontiere di cura ed è aumentata la sopravvivenza"

MeteoWeb

Ogni anno in Italia oltre 3.800 nuovi casi di tumore del seno sono già metastatici al momento della diagnosi. Oggi queste neoplasie possono essere controllate per un lungo periodo tempo. Merito soprattutto dell’innovazione farmacologica che ha dato nuove prospettive anche per la pazienti colpite da una forma di cancro molto pericolosa. E’ quanto è emerso ieri da un webinar dedicato alle donne e ai caregiver. L’evento on line coinvolge l’area del Nord Italia ed è promosso da IncontraDonna Onlus. Rientra nella campagna nazionale “Sono una Donna con Carcinoma #metastabile”. L’obiettivo è migliorare il livello d’informazione sul carcinoma metastatico, una patologia curabile anche se non ancora guaribile. Si calcola che in Italia in totale siano oltre 37mila le pazienti che vivono con una diagnosi di questa forma di tumore. La campagna è realizzata con il contributo non condizionante di Seagen

La malattia metastatica della mammella è un argomento complesso e difficile da affrontare per i pazienti – ha affermato la prof.ssa Adriana Bonifacino, Presidente di IncontraDonna Onlus -. È quindi importante far arrivare alle donne una comunicazione più che mai chiara e comprensibile. Il ruolo giocato dell’innovazione farmacologica è davvero fondamentale in quanto ha aperto nuove frontiere nella cura. I progressi diagnostico-terapeutici e soprattutto la disponibilità di più efficaci farmaci antitumorali hanno determinato un aumento della sopravvivenza globale. Da qui è nata l’esigenza di promuovere una serie d’iniziative per favorire una corretta informazione e far comprendere come la parola “metastatico” debba fare meno paura rispetto al passato più recente”.

“Sono una Donna con Carcinoma #metastabile” è stata lanciata lo scorso maggio e prevede la creazione di infografiche e una campagna social, un ciclo di webinar ai quali intervengono esperti della comunità scientifica-pazienti-giornalisti (per le tre diverse macroaree della Penisola) e una survey sulla percezione del tema ‘metastatico’. Il tutto si concluderà il prossimo 13 ottobre con la giornata nazionale dedicata al tumore al seno metastatico. “La campagna è unica nel suo genere perché è interamente dedicata ad una forma di tumore di cui si parla poco – ha concluso la prof.ssa Bonifacino -. Siamo profondamente convinti che il cancro si possa sconfiggere anche attraverso una maggiore sensibilizzazione sia della popolazione che delle istituzioni locali e nazionali. Il carcinoma del seno è la neoplasia in assoluto più frequente tra le donne residenti nel nostro Paese ed è in crescita. Di conseguenza nei prossimi anni potranno aumentare anche il numero di casi metastatici o comunque diagnosticati ad uno stadio più avanzato. Per questo bisogna concentrare gli sforzi nel promuovere a 360 gradi una nuova cultura sulla malattia oncologica”.