Un tuffo gelido per festeggiare il solstizio d’inverno: i ricercatori australiani in Antartide si immergono nell’acqua a -2°C [FOTO]

Ogni anno, i ricercatori presso tre stazioni di ricerca dell’Australia in Antartide e sull’isola Macquarie festeggiano il solstizio d'inverno facendo un tuffo nel ghiaccio marino o nell’oceano gelido

  • Credit: Cliff Simpson-Davis
    Credit: Cliff Simpson-Davis
  • Credit: Cliff Simpson-Davis
    Credit: Cliff Simpson-Davis
  • Credit: Cliff Simpson-Davis
    Credit: Cliff Simpson-Davis
/
MeteoWeb

I ricercatori australiani che prendono parte alle spedizioni in Antartide hanno fatto un tuffo polare con temperature sotto lo zero per festeggiare il solstizio d’inverno, mantenendo viva una tradizione “di ghiaccio” (vedi foto della gallery scorrevole in alto). Ogni anno, i ricercatori presso tre stazioni di ricerca dell’Australia in Antartide e sull’isola Macquarie festeggiano il giorno più breve e la notte più lunga dell’anno facendo un tuffo nel ghiaccio marino o nell’oceano gelido.

Kyle Williams, leader della stazione Casey, ha dichiarato che il suo team ha creato una piscina di 1,5 metri quadri, tagliando il ghiaccio marino spesso 80cm mediante l’uso di motoseghe e mazze. “La temperatura dell’acqua si è rivelata un rinvigorente -2°C e la temperatura dell’aria di -9°C ci ha davvero fatto muovere”, ha raccontato dopo l’evento. Oltre al tuffo gelido, si sono tenute anche cene formali come parte dei festeggiamenti per il solstizio d’inverno.

Williams ha spiegato che il suo team da 27 persone non sta prendendo molta vitamina D, con il sole che sorge sopra l’orizzonte per due ore e mezza al giorno. Più a sud, alle stazioni di ricerca di Mawson e Davis, i ricercatori non vedono un’alba da diverse settimane e stanno vivendo nella costante oscurità.

Kim Ellis, direttore dell’Australian Antarctic Division, ha affermato che la pandemia da COVID-19 ha prodotto drastici cambiamenti di programma rispetto ai festeggiamenti dello scorso inverno. “Siamo stati resilienti e flessibili e abbiamo mantenuto le nostre stazioni di ricerca in funzione e i nostri ricercatori al sicuro per un altro anno. Le nostre persone inviate a sud e le loro famiglie sono sempre nei nostri pensieri. Il solstizio è un’opportunità per divertirsi un po’, mente riflettiamo su dove siamo arrivati e cosa dobbiamo ancora raggiungere”, ha affermato Ellis.