Una “zavorra” di materia oscura rallenta la Via Lattea

La rotazione della barra galattica della Via Lattea è rallentata di oltre il 24% dalla sua formazione

MeteoWeb

Secondo una nuova ricerca degli astronomi dell’Università di Oxford e dell’University College di Londra, la rotazione della barra galattica della nostra Via Lattea – composta da miliardi di stelle e trilioni di masse solari – è rallentata di oltre il 24% dalla sua formazione. I modelli di galassie hanno previsto a lungo un tale rallentamento, ma questa è la prima volta che viene misurato.

“Gli astrofisici sospettano da tempo che la barra rotante al centro della nostra galassia stia rallentando, ma abbiamo trovato le prime prove di ciò che sta accadendo“, ha affermato Ralph Schoenrich, astronomo del Mullard Space Science Laboratory presso l’University College di Londra.
Il dottor Schoenrich e il suo collega dell’Università di Oxford, Rimpei Chiba, hanno analizzato i dati del satellite Gaia dell’ESA relativi a un grande gruppo di stelle, il flusso di Ercole, che sono in risonanza e intrappolate gravitazionalmente dalla barra della Via Lattea.
Se la rotazione della barra rallenta, le stelle in questo flusso si spostano più lontano nella Galassia, mantenendo il loro periodo orbitale corrispondente a quello della rotazione della barra.
Gli astronomi hanno scoperto che queste stelle sono caratterizzate da una precisa impronta chimica (sono più ricche di elementi più pesanti, chiamati metalli in astronomia), dimostrando che si sono allontanate dal centro galattico, dove le stelle e il gas di formazione stellare sono circa 10 volte più ricchi di metalli rispetto alla galassia esterna.
Usando questi dati, gli scienziati hanno dedotto che la barra aveva rallentato la sua rotazione di almeno il 24% da quando si è formata.
Il contrappeso che rallenta questa rotazione deve essere la materia oscura“, ha affermato Schoenrich. “Finora siamo stati in grado di dedurre la materia oscura solo mappando il potenziale gravitazionale delle galassie e sottraendo il contributo dalla materia visibile“. “La nostra ricerca fornisce un nuovo tipo di misurazione della materia oscura, non della sua energia gravitazionale, ma della sua massa inerziale (la risposta dinamica), che rallenta la rotazione della barra“.
La nostra scoperta offre una prospettiva affascinante per delineare la natura della materia oscura, poiché diversi modelli cambieranno questa attrazione inerziale sulla barra galattica,” ha concluso Chiba. “La scoperta pone anche un grosso problema per le teorie della gravità alternative: poiché mancano di materia oscura nell’alone, prevedono un rallentamento della barra assente o significativamente insufficiente“.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.