Vaccino AstraZeneca, 18enne con trombosi operata a Genova: secondo intervento per salvarle la vita

Dopo un primo intervento per rimuovere il trombo, è in corso un secondo intervento per salvare la vita della 18enne vaccinata con AstraZeneca

Ore di apprensione per le sorti della 18enne ricoverata per trombosi seno cavernoso all’ospedale Policlinico San Martino di Genova. La giovane, che il 25 maggio aveva aderito all’open day per la somministrazione volontaria del vaccino contro SARS-CoV-2 sviluppato da AstraZeneca, ha subito un primo intervento per rimuovere il trombo e ora è in corso un secondo intervento per ridurre la pressione intracranica derivante dall’emorragia, secondo quanto rende noto Regione Liguria.

E’ da questa mattina che siamo in contatto continuo con il San Martino di Genova – spiega il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti – I nostri medici ce la stanno mettendo tutta, stanno lavorando e sono tuttora in sala operatoria per salvare la vita della ragazza. Preghiamo per lei e per i suoi cari in queste ore di apprensione e dolore“. La famiglia della giovane è presente al San Martino, costantemente assistita dal personale dell’ospedale.

vaccino astrazeneca
Foto Rungroj Yongrit / Ansa

Il 3 giugno, la giovane si è recata in pronto soccorso con la seguente sintomatologia: cefalea e fotofobia. E’ stata sottoposta ad esami, quali tac cerebrale ed esame neurologico, entrambi negativi. Dimessa con raccomandazione di ripetere gli esami ematici dopo 15 giorni, il 5 giugno è ritornata in pronto soccorso con deficit motori ad un emilato. Sottoposta a Tac cerebrale con esito emorragico, è stata immediatamente trasferita alla neurochirurgia del San Martino. La Direzione del Policlinico ha attivato le previste segnalazioni nell’ambito delle procedure di farmacovigilanza verso AIFA, nelle quali sono stati indicati anche i farmaci assunti dopo la vaccinazione.