Allarme caldo in Giappone: le Olimpiadi di Tokyo potrebbero essere le più calde di sempre

Se le temperature non caleranno, quella di Tokyo potrebbe passare alla storia come l'Olimpiade più calda di sempre

MeteoWeb

Oltre al Coronavirus, Tokyo deve fare i conti anche con il caldo: alte temperature e tassi di umidità elevatissimi continuano a preoccupare, soprattutto in considerazione dello svolgimento dei Giochi Olimpici. Stamattina l’atleta russa del tiro con l’arco, Svetlana Gomboeva, si è accasciata per un colpo di calore: subito soccorsa, la 23enne ha reso noto successivamente di stare bene e che le serve solo un po’ di riposo per riprendersi.
La questione ha iniziato a porsi quando gli organizzatori hanno deciso di tenere i Giochi nella finestra tra luglio e agosto per sottostare a esigenze televisive ed economiche, nonostante siano mesi a rischio calura (ciò al contrario di quanto avvenne nel 1964, quando le gare si svolsero a ottobre): si tratta di un periodo in cui le temperature di solito si aggirano intorno ai +33/+35°C, ma con un’umidità che oscilla tra il 70 e l’80%, un fattore determinante, che fa aumentare di molto il caldo percepito.
Per aggirare (anche se limitatamente) il problema, ad esempio, è stato deciso di anticipare o cambiare sede ad alcune gare, soprattutto quelle di resistenza: il nuoto di fondo sarà in acqua all’alba con partenza alle 06:30, mentre la maratona è stata spostata nella zona montuosa di Sapporo, a oltre 800 km da Tokyo.
Gli organizzatori olimpici hanno anche implementato una varietà di contromisure minori per proteggere gli atleti e il personale, tra cui la fornitura diffusa di macchine che diffondono nebbioline refrigeranti, panchine ombreggiate, ombrelloni, acqua in bottiglia, camere con aria condizionata e anche bagni di ghiaccio e giubbotti di ghiaccio.

Negli ultimi anni il Giappone ha registrato il caldo più afoso della sua storia moderna, al quale seguono nella stagione delle piogge alluvioni sempre più frequenti e intense. Secondo i dati ufficiali, nel 2018 almeno 80 persone sono morte durante un’ondata di caldo a Tokyo (105 in tutto il Giappone e oltre 1.100 persone ricoverate) e il 23 luglio di quell’anno la temperatura è salita a +41,1°C in alcune aree della capitale, record assoluto nella storia giapponese.
Al momento sembra che si stiano ripetendo le stesse condizioni del 2018, anche se dalla prossima settimana è attesa la pioggia, che potrebbe migliorare la situazione.
Se però le temperature dovessero restare intorno ai +40°C, quella di Tokyo potrebbe passare alla storia come l’Olimpiade più calda di sempre. Secondo World Weather Online, le temperature più alte si sono registrate durante i Giochi di Pechino nel 2008 con +38°C, seguiti dai +35°C di Atene del 2004 e Atlanta del 1996, staccando di 2°C Barcellona 1992.