Allerta Meteo, il ciclone che ha devastato l’Europa arriva al Centro/Sud: inizia un weekend di maltempo estremo, massima attenzione

Allerta Meteo: rischio di locali fenomeni violenti con grandinate, nubifragi e dissesti idrogeologici nelle prossime ore. Ecco il dettaglio sulle aree più colpite per oggi

MeteoWeb

Sta entrando nel vivo la fase di maltempo annunciata dalle previsioni meteo già da qualche giorno. Un cavo depressionario nord-europeo ha iniziato ad affondare la sua azione sul Mediterraneo centro-settentrionale nel corso della giornata di ieri, apportando piogge e temporali diffusi al Centro Nord. Localmente ci sono stati fenomeni anche forti, fino a oltre 60 mm di accumulo, come nella Lazio, sulla Liguria centrale ma, in linea generale, si è trattato di fenomeni irregolari in un contesto ancora non particolarmente perturbato. Le potenzialità di maltempo più diffusamente violento, invece, aumentano nella giornata odierna. Infatti, sull’Italia è giunto il  vortice depressionario che ha arrecato le devastanti alluvioni sull’Europa centrale e, da oggi sino a lunedì, sarà in azione sulle nostre regioni. Benché il divario termico verticale si sia leggermente affievolito, rispetto al potenziale di qualche giorno fa, ci sono tutte le condizioni affinché su molte aree possa abbattersi un pesante maltempo.

In riferimento alla giornata odierna, secondo le previsioni meteo, il vortice, lo ribadiamo in azione direttamente sulle regioni centro meridionali, apporterà fenomeni forti soprattutto sulla fascia adriatica centrale e sui relativi  settori appenninici, tra Marche, Abruzzo, poi altri fenomeni forti sul Centro Sud Appennino, tra Molise, Campania, Lucania e Puglia e ancora forti sulla Sicilia settentrionale, localmente anche sula Calabria tirrenica centro-meridionale. Rischio di grandinate, anche con chicchi di grosse dimensioni, e locali nubifragi sulle aree colorate in blu più scuro e ancora più verso  i colori a scala di arancio. Particolare attenzione sulle coste e aree interne del Centro Sud Marche e Nord Abruzzo, sul Gargano e anche sulla Sicilia settentrionale dove potranno esserci accumuli ingenti fino anche a 100 mm o oltre, seppure su aree circoscritte, con pericolo di alluvioni lampo e dissesti idro-geologico. Le raccomandazioni di rito in questi casi sono di rimanere in casa, preferibilmente non frequentare gli scantinati e i piani bassi in presenza di temporali forti, evitare quanto più possibile di mettersi in movimento a piedi e con mezzi, evitare di sostare o transitare nei pressi di corsi d’acqua e nei sottopassaggi. Nubi e rovesci riguarderanno anche il medio-alto Adriatico e le regioni di Nordest e, in giornata, quelle alpine e prealpine centro-orientali, soprattutto i versanti più a Nord o di confine. Tempo generalmente più stabile e soleggiato al Nordovest, salvo qui qualche rovescio su Ovest Alpi nel pomeriggio, più stabile e soleggiato anche sulla Toscana settentrionale e localmente occidentale, mentre addensamenti e qualche rovescio o temporale potranno raggiungere in giornata la Sardegna centro-orientale. Le temperature sono attese stazionarie e nella norma al Nord, in calo sul medio-basso Adriatico e al Centro Sud in genere, con valori mediamente non oltre +31°C in Sicilia e sulla Pianura Padana centro-occidentale, tra +24 e +30°C, invece, sul resto del territorio.

Per monitorare il maltempo in arrivo, ecco le migliori pagine del nowcasting: