Caldo record in Marocco, si sfiorano i +50°C: lo Chergui porta calore e sabbia dal Sahara

Lo Chergui, il vento che arriva dal Sahara, sta portando temperature molto alte e tanta sabbia desertica in Marocco: si sfiorano i +50°C

MeteoWeb

L’Italia si gode un weekend dal tempo tipicamente estivo mediterraneo grazie alla ritirata della calura insopportabile dei giorni scorsi, arrecata da una lingua di correnti infuocate proveniente direttamente dall’entroterra algerino-tunisino. Ma il Nord Africa continua a fare i conti con un caldo asfissiante. Tra nord del Marocco e sud della Spagna, si è stabilizzato lo Chergui, il vento che arriva dal Sahara, equivalente dello Scirocco, che sta portando temperature molto alte e tanta sabbia desertica.

Caldo record in tutto il Marocco, con punte di +47°C. Oggi, sabato 10 luglio, registrati +47°C a Marrakech, Meknès, +46°C all’Aeroporto di Fez-Saiss, +44°C all’Aeroporto di Nouaceur, all’Aeroporto di Taza e a Larache. Il cielo è bianco e l’atmosfera è densa a Marrakech che, piena di pulviscolo di sabbia a causa dello Chergui, si e’ paralizzata.

La Direzione generale della Meteorologia del Marocco lancia l’allerta arancione e annuncia una domenica bollente un po’ in tutto il Paese: fino a lunedi’ 12 luglio, si sfioreranno i +50°C dalla costa mediterranea fino al deserto.