Cosa succede al corpo se si assume troppa caffeina

"Comprendere gli impatti a lungo termine dell'elevato consumo di caffeina è particolarmente importante per i gruppi ad alto rischio"

MeteoWeb

In uno studio clinico in doppio cieco, i ricercatori hanno esaminato l’impatto dell’assunzione di caffeina ad alte dosi a breve termine sull’eliminazione renale di calcio, sodio e creatinina negli adulti sani.

L’osteoporosi è una malattia cronica, dolorosa e debilitante che rende le ossa meno dense e più suscettibili alle fratture: più comune nelle donne, si verifica quando le ossa perdono calcio e altri minerali più velocemente di quanto il corpo impiega a sostituirli.
Il consumo di caffeina è stato collegato all’osteoporosi, che si ritiene sia dovuta a un maggiore riassorbimento osseo a causa dell’aumentata eliminazione di calcio attraverso le urine.
Tuttavia, la quantità di calcio nelle urine potrebbe non riflettere necessariamente il vero effetto della caffeina sull’eliminazione del calcio.

Nel contesto di una crescente ‘cultura del caffè’ è importante per le persone comprendere l’impatto di ciò che stanno mettendo nei loro corpi,” ha affermato il co-autore dello studio Hayley Schultz, ricercatore presso l’Università del South Australia. “La caffeina è una delle droghe ricreative più utilizzate al mondo, con l’80% degli adulti che consuma almeno una bevanda contenente caffeina al giorno“.

È uno stimolante comune, consumato da professionisti, genitori, turnisti e adolescenti allo stesso modo per iniziare la giornata e stare all’erta. Anche i militari usano la caffeina per combattere la sonnolenza,” ha proseguito l’esperta. “Il caffè ha i suoi vantaggi, ma è anche importante riconoscere gli svantaggi, e uno di questi è il modo in cui i nostri reni gestiscono il calcio“.

In uno studio clinico in doppio cieco, i partecipanti hanno masticato gomme con caffeina o placebo per 5 minuti a intervalli di 2 ore per un periodo di trattamento di 6 ore (800 mg di caffeina totale).

Mentre l’obiettivo principale della ricerca era esaminare l’impatto del consumo di caffeina sulla veglia e su altri fattori, questo sottostudio mirava a valutare l’impatto del consumo di caffeina sull’eliminazione renale del calcio.

La nostra ricerca ha scoperto che le persone che consumano 800 mg di caffeina in una tipica giornata lavorativa avranno un aumento del 77% di calcio nelle urine, creando una potenziale carenza che potrebbe avere un impatto sulle loro ossa,” ha affermato Schultz.
Comprendere gli impatti a lungo termine dell’elevato consumo di caffeina è particolarmente importante per i gruppi ad alto rischio,” ha aggiunto la prima autrice dello studio, Stephanie Reuter Lange, dell’Università del South Australia. “L’assunzione giornaliera media di caffeina è di circa 200 mg, circa due tazze di caffè. Anche se bere otto tazze di caffè può sembrare troppo (800 mg di caffeina), ci sono gruppi che rientrerebbero in questa categoria”.
Le persone a rischio potrebbero includere adolescenti che fanno largo consumo di bevande energetiche, perché le loro ossa sono ancora in via di sviluppo; atleti professionisti che usano la caffeina per migliorare le prestazioni; così come le donne in post-menopausa che spesso hanno bassi livelli di calcio nel sangue a causa di cambiamenti ormonali e non hanno un’assunzione giornaliera sufficiente di calcio tramite la dieta“. “Stiamo anche registrando sempre più alti livelli di caffeina tra i turnisti che hanno bisogno di stare svegli durante le ore notturne, così come quelli nelle forze armate che usano la caffeina per combattere gli effetti della privazione del sonno in ambienti operativi“. “La caffeina, assunta con moderazione, ha sicuramente i suoi vantaggi, ma è importante capire come un consumo eccessivo possa aumentare i rischi di una malattia altamente prevenibile come l’osteoporosi“.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sul British Journal of Clinical Pharmacology.