Dietro la corsa allo Spazio di Branson, Musk e Bezos c’è la necessità di salvare l’umanità

"Abbiamo urgente bisogno di affrontare rischi estremi come la crisi climatica, i virus emergenti e la possibilità di agenti patogeni", dunque rendere abitabili altri pianeti è una priorità

MeteoWeb

Branson, Bezos, Musk: perché questi miliardari, con tutte le loro ricchezze mondane, sono ossessionati dai viaggi nello spazio? Il fondatore di Tesla, Elon Musk, sostiene che diventando “multiplanetari“, gli esseri umani potrebbero proteggersi maggiormente dai rischi di estinzione o collasso planetario, mentre Jeff Bezos di Amazon parla di “salvare la Terra”. Se la civiltà muore sul nostro pianeta, secondo questi miliardari l’unica scelta è cercare di abitare altrove.

Bezos, Musk e Richard Branson sembrano animati da un obiettivo ambizioso: assicurare il futuro dell’umanità andando nello spazio. Molti l’hanno liquidata come una spavalderia miliardaria che presta poca attenzione ai problemi reali e concreti come il collasso ambientale. Peggio ancora, altri dicono che riecheggia rapaci, storici accaparramenti di terre. Ma “andare nello spazio” e “salvare la razza umana” sono idee che hanno a lungo affascinato le persone sulla Terra. La loro storia condivisa mostra perché rimaniamo affascinati da questa prospettiva.

Richard Branson

Per secoli, l’Occidente ha lavorato sul presupposto che l’universo fosse pieno di vita e intelligenza. L’alternativa – che gli umani fossero essenzialmente soli, un’oasi di intelligenza circondata da un vuoto senza vita e sterile – era troppo difficile da accettare, scrive Thomas Moynihan, ricercatore associato in storia all’Università di Oxford e autore di X-Risk: How Humanity Discover It’s Own Extinction. Molti presumevano che altri pianeti fossero popolati da creature essenzialmente identiche a noi. Per questo motivo, nessuno ha riconosciuto che la fine della Terra avrebbe significato simultaneamente la fine della vita umana. E non c’era motivo di immaginare che l’umanità migrasse su altri pianeti per portare la vita in un universo non vivente. Gli scrittori immaginavano di fare viaggi per visitare altri corpi celesti e i loro occupanti umanoidi, ma non di vivere in maniera permanete in questi spazi.

Ma nel periodo vittoriano, alcuni iniziarono a riconoscere che la distruzione della Terra avrebbe potuto significare la fine della vita umana nell’universo, scrive ancora Thomas Moynihan. Gli scienziati hanno iniziato a fissare scadenze per il futuro della Terra. Pensavano che il sole stesse bruciando il suo carburante, restringendosi e raffreddandosi. Scrittori come HG Wells hanno suggerito che l’umanità potrebbe trasferirsi su pianeti del sistema solare interno come Venere quando il sole è morto. Eppure, rannicchiarsi intorno alla brace stellare morente prolungherebbe solo l’inevitabile. Le stime erano pessimistiche: alla fine del 1800, i fisici prevedevano che sarebbero rimasti solo diversi milioni di anni di sole.

Le prime vere proposte di viaggi con equipaggio verso altre stelle avvennero all’inizio del 1900. Negli anni ’20, il genetista britannico-indiano JBS Haldane azzardò che, se l’umanità dovesse mai sistemare altri sistemi stellari, il suo futuro – migrando da sole a sole – potrebbe durare decine di trilioni di anni. Ha avvertito che se rimaniamo legati alla Terra, il nostro intero futuro sarebbe solo una frazione evanescente di questo. Haldane ha visto che gli umani potrebbero vivere proprio all’inizio della storia umana e che i loro migliori risultati potrebbero trovarsi davanti, se avessero lasciato il loro luogo di nascita. Ma altri sono stati scettici. Nel 1962, CS Lewis predisse che il viaggio interplanetario avrebbe semplicemente stabilito un “nuovo colonialismo”.

Negli anni ’60, la questione se ci fosse vita nel nostro vicinato cosmico veniva finalmente messa alla prova. Le antenne paraboliche perlustravano i cieli alla ricerca di segnali di altre civiltà. La ricerca non ha trovato nulla; solo silenzio. A differenza della generazione di Wells, gli scienziati ora sanno che non ci sono civiltà avanzate su Marte. La possibilità che siamo l’unica civiltà nella Via Lattea – e persino l’intero universo osservabile – è stata saldamente stabilita. L’esplorazione dello spazio non è un “nuovo colonialismo”, nell’accezione comune del termine, perché almeno all’interno del nostro sistema solare, ovunque ci sistemeremo sarà privo di vita complessa.

elon musk
Foto di Britta Pedersen / Ansa

Dalla creazione delle armi nucleari, l’estinzione umana non è più stata una prospettiva lontana come il sole morente che turbava i fisici precedenti. I missili nucleari in grado di distruggere la nostra specie hanno reso questa minaccia imminente e antropica. In questo precario contesto post-nucleare, scrittori e pensatori come Isaac Asimov e Stephen Hawking hanno suggerito che, se ci preoccupiamo di salvaguardare l’umanità, potrebbe esserci una corsa per colonizzare Marte.

Ma nell’immediato, abbiamo urgente bisogno di affrontare rischi estremi come la crisi climatica, i virus emergenti e la possibilità di agenti patogeni ingegnerizzati. Questo non solo migliorerebbe la vita dei vivi, ma salverebbe anche la vita di tutti coloro che potrebbero venire dopo di loro. Attualmente sono solo astronauti o miliardari come Musk e Bezos che sono in grado di uscire fugacemente dall’atmosfera terrestre. È vero che un giorno la Terra diventerà inabitabile man mano che il nostro sole invecchia, e che l’universo più ampio rimarrà potenzialmente in grado di supportare la vita complessa per eoni oltre questo.

Tuttavia, se gli umani avranno mai la possibilità di abitare altri pianeti dipende interamente dalle azioni delle persone che sono attualmente in vita. Per questo motivo, la nostra priorità immediata dovrebbe essere salvaguardare il nostro ambiente e garantire che tutti siano protetti da rischi estremi.

Abbiamo creato i mezzi per distruggere noi stessi e stiamo presiedendo al collasso del nostro ambiente, ma non abbiamo sviluppato le istituzioni o la saggezza collettiva per impedirlo. Prima che gli esseri umani inizino a intraprendere grandi progetti multigenerazionali come raggiungere le stelle, proteggere le persone da questi rischi estremi è un compito urgente per il presente, conclude Thomas Moynihan.